Economista nigeriana Okonjo-Iweala è nuovo direttore generale Wto

Red
·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 feb. (askanews) - L'organizzazione mondiale del Commercio, il Wto, ha ufficializzato la nomina della economista nigeriana Ngozi Okonjo-Iweala a nuovo direttore generale. Si tratta della prima donna e della prima esponente africana ad assumere la guida dell'organizzazione ginevrina. Secondo quanto riporta una nota, entrerà in carica dal primo marzo.

La vita di Okonjo-Iweala è piena di numeri e primati. La sua nomina a direttore generale del Wto è l'ultimo di questi successi. Okonjo-Iweala, infatti, è attualmente a capo del Gavi, the Vaccine Alliance, e supervisiona le vaccinazioni annuali di milioni di bambini. Da direttore operativo della Banca Mondiale ha sorvegliato operazioni per 81 miliardi di dollari. Come ministro delle Finanze della Nigeria ha affrontato il debito da 30 miliardi di dollari del Paese. Ha 1,5 milioni di follower su Twitter, fa parte di 20 organizzazioni no-profit, ha 10 lauree ad honorem che si aggiungono al suo dottorato e 20 premi di vario genere. Inoltre, la 66enne nigeriana, ha al suo attivo diversi posizionamenti nella classifica delle 100 donne più potenti al mondo e delle 100 persone più influenti e delle 10 donne più influenti in Africa.

La sua nomina a capo del Wto rimuove certamente uno degli ostacoli chiave al funzionamento dell'Organizzazione, che è stato senza leadership in un momento drammatico di pandemia e di crescente potezionismo. Ma, secondo il New York Times, anche con Okonjo-Iweala in testa e il rinnovato sostegno della Casa Bianca con l'amministrazione Biden, il Wto avrà molte sfide davanti soprattutto come arbitro del commercio internazionale.

L'istituzione con un budget di 220 milioni di dollari e uno staff di 650 persone affronta un momento critico e deve essere sottoposto a una necessaria riforma. E molti si chiedono se Okonjo-Iweala sia la donna giusta al momento giusto. La direzione per le dispute internazionali, l'"appellate body", è rimasta bloccata dopo lo stop alle nomine voluto da Trump. Ci sono divisioni profonde sul trattamento dei Paesi poveri e quelli più ricchi rispetto alle regole del commercio mondiale. Cresce il consenso sul fatto che l'Organizzazione mondiale del commercio abbia fallito nel contrastare alcune politiche commerciali cinesi, in particolare negli Usa.

Quando l'ex ministra delle Finanze aveva sei anni, la Nigeria divenne indipendente dalla Gran Bretagna, era il 1960. E' cresciuta in un piccolo Paese nello stato del Delta. I genitori, entrambi accademici, studiavano in Europa quando lei era bambina e quindi venne cresciuta dalla nonna insieme ai fratelli, raccota il Guardian in un suo ritratto. A nove anni aveva già imparato a cucinare, tagliare la legna e fare i lavori domestici. La brutale guerra civile con i separtisti del Biafra che dilaniò la Nigeria, mise a repentaglio anche la sua istruzione. "Mangiavo un pasto al giorno e i bambini morivano. Ho imparato a vivere in maniera molto frugale. Dico spesso che posso dormire altrettanto bene su un pavimento di fango o su un letto fatto su misura. Questo mi ha reso una persona che può andare avanti senza alcune cose nella vita, a causa di quello che abbiamo vissuto", ha raccontato l'anno scorso a Forbes magazine.

Quando la sorella più piccola di tre anni si ammalò di malatia cronica, era Okonjo-Iweala a portarla per tre miglia dal dottore superando folle di centinaia di persone e facendola passare per una finestra per curarla. Alla fine della guerra, Okonjo-Iweala si trasferì negli Stati Uniti per studiare economia ad Harvard e al MIT (Massachusetts Institute of Technology). Si sposò con l'amore della sua infazia all'età di 25 anni e iniziò a lavorare per la Banca Mondiale. Scalò la gerarchia e lasciò soltanto quando divenne ministro delle Finanze in Nigeria nel 2003.

Adesso alla guida del Wto, Okonjo-Iweala dovrà contrastare le proteste contro le conseguenze della globalizzazione e del capitalismo da una parte, e le richieste dei Paesi meno sviluppati, anche quelli della "sua" Africa per il disequilibrio rispetto alla mancanza di peso nelle decisioni in particolare sui sussidi agricoli. Il Wto non firma accordi commerciali multilaterali da anni e la speranza è che ci possa essere qualche patto sulla pesca o sulla giungla dell'e-commerce.

"Il Wto ha bisogno di una faccia nuova, di un outsider, qualcuno che abbia la capacità di fare le rifome e lavorare con i componenti per fare in modo che il Wto esca dalla paralisi parziale in cui si trova", aveva detto alla Cnn. E poco dopo la notizia della sua possibile nomina ha twittato: "C'è un lavoro vitale da fare insieme di fronte a noi".