**Editoria: addio a Maria Ghezzi, l'illustratrice dei rebus della 'Settimana Enigmistica'**

·2 minuto per la lettura
**Editoria: addio a Maria Ghezzi, l'illustratrice dei rebus della 'Settimana Enigmistica'**
**Editoria: addio a Maria Ghezzi, l'illustratrice dei rebus della 'Settimana Enigmistica'**

Milano, 22 feb. – (Adnkronos) – E' morta a Milano alla vigilia del suo 94esimo compleanno Maria Ghezzi Brighenti, in arte "Brighella", illustratrice e disegnatrice storica del settimanale "La Settimana Enigmistica", specialista nel disegno dei rebus. Era sposata con l'enigmista Giancarlo Brighenti (con cui formava la coppia Briga-Brighella), è considerato il papà del moderno rebus che sulle pagine della rivista ha conosciuto -grazie a loro- uno sviluppo meraviglioso.

L'annuncio della scomparsa è stato dato da Alessandro Bartezzaghi, condirettore della "Settimana Enigmistica", su Facebook: "Ci ha abbandonato una donna speciale, elegante e di grande talento. Si chiamava Maria Ghezzi ed ha disegnato tantissimi rebus per 'La Settimana Enigmistica'. Insieme Maria e Giancarlo Brighenti formavano una coppia spettacolare, affabile, di gusti raffinati, affiatati come non si può immaginare".

Nata a Bresso (Milano) il 23 febbraio 1927, dopo gli studi presso il liceo artistico dell'Accademia di Brera a Milano, Maria Ghezzi iniziò l'attività di pittrice, disegnatrice di figurini di moda e decoratrice d'interni. L'incontro con l'enigmista Brighenti (pseudonimo Briga) l'orienta dagli anni '50 verso il disegno del rebus. Da allora, fino al pensionamento, si è dedicata al disegno delle vignette e di altri giochi enigmistici illustrati (frasi polidescritte, "Il signor Brando"). In suo onore, si svolge annualmente un concorso di invenzione rebussistica, basato su un suo disegno originale (Concorso "La Brighella"). Ghezzi è considerata l'illustratrice che ha stabilito lo standard visivo del rebus italiano, a partire dal primo rebus che ha disegnato nel 1952 (l'autore era Gian Carlo Brighenti, il capo della sezione rebus della "Settimana Enigmistica"). Alle caratteristiche principali del rebus stabilite da Brighenti – "originalità della trovata e coerenza delle parti del gioco”, “bellezza e contenuto della soluzione" – il tratto preciso e funzionale di Maria Ghezzi aggiunse la qualità dell'"illustrazione artistica". Maria Ghezzi ha prodotto – nella sua lunga e prolifica carriera – decine di migliaia di disegni, realizzati a china. Alcuni originali sono stati esposti alla mostra "Ah che rebus!, Cinque secoli di enigmi fra arte e gioco in Italia" (Roma, 2010-11).