Editoria, Avvenire: piena solidarietà a Askanews e Poligrafici

Red/Pol

Roma, 25 ott. (askanews) - "Il Cdr e l'intera redazione di Avvenire esprimono vicinanza e piena solidarietà ai colleghi di Askanews e ai colleghi di Poligrafici Editoriale-Qn-Il Giorno-Il Resto del Carlino-La Nazione che, dopo gli annunci dei rispettivi editori, vedono a rischio il posto di lavoro". LO riporta un comunicato.

"Come insegna la Dottrina Sociale della Chiesa 'il lavoro è un bene di tutti' ed esso 'è superiore ad ogni altro fattore di produzione: in particolare, rispetto al capitale'. Principi che acquistano uno speciale valore - sottolinea il comunicato del Cdr di Avvenire - quando si tratta della professione giornalistica, indispensabile in una società complessa, costellata di molte voci (spesso dissonanti o falsificanti) che disorientano invece di orientare. Mai l'impegno del giornalista può essere messo a tacere dall'editore. Altrimenti si corre il rischio che l'informazione sia piegata a logiche d'interesse, come ha recentemente ricordato papa Francesco: 'Quante volte il giornalista vuole andare su questa strada, ma ha dietro di sé un editore che gli dice: "no, questo non si pubblica, questo sì, questo no", e si passa tutta quella verità nell'alambicco delle convenienze finanziarie dell'editore, e finisce per comunicare quello che non è vero, che non è bello e che non è buono'. Il Cdr di Avvenire auspica che al più presto il Governo e le parti sociali riescano a trovare, insieme con le rispettive aziende, una soluzione che scongiuri l'ipotesi dei licenziamenti annunciati".