Editoria: Franceschini, 'Legge sul settore sarà elemento di svolta'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 giu. (Adnkronos) – “La riscoperta dello spazio e del tempo dedicato alla lettura che c’è stata nel corso di questo periodo sarà un dato strutturale anche per il dopo. Ritengo che su questo si debba lavorare e al ministero c’è un tavolo aperto sul comparto per arrivare ad una legge sul libro entro la fine di questa legislatura sul modello di quella fatta per il cinema. Che dia, ovvero, la giusta importanza e gli adeguati strumenti a tutti i protagonisti della filiera: l’autore, il distributore, il piccolo editore, il traduttore, le librerie”. Lo ha affermato il ministro della Cultura Dario Franceschini nel corso dell’evento di apertura dell’edizione 2021 di ‘Libri Come’, in corso da oggi a domenica all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Il ministro è intervento al confronto con il mondo dell’editoria, a cui hanno partecipato Angelo Piero Cappello, Isabella Ferretti, Sandro Ferri, Giuseppe Laterza, Ilaria Milana, Marina Pugliano, Ricardo Franco Levi e Marino Sinibaldi. Tutti gli operatori hanno apprezzato le misure che il ministero ha messo in campo nel corso della fase emergenziale, tra cui il rifinanziamento del tax credit per le librerie, i 30 milioni per l’acquisto di libri delle biblioteche condizionato al farlo presso quelle di prossimità, norma che è stata apprezzata anche dagli altri Paesi europei che stanno pensando di riproporla, il rifinanziamento con 240 milioni di 18app, di cui l’80% della spesa va in acquisto di libri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli