**Editoria: Furio Colombo, ‘triste vicenda dell’Unità, fine ingloriosa di testata gloriosa’**

(Adnkronos) - "Una fine ingloriosa, per un giornale glorioso che ha fatto la storia non solo del giornalismo ma della politica in Italia". Così Furio Colombo, nelle vesti di ex direttore dell’Unità, commenta alla AdnKronos il rinvio a giudizio dell’ex editore Renato Soru per il fallimento di quello che fu l’organo ufficiale del Pci, premettendo di "non conoscere nulla della vicenda giudiziaria nei suoi sviluppi".

Per Colombo, "si tratta di una triste vicenda, che ricorda molto da vicino e richiama l’altra tristissima vicenda delle Feste dell’Unità, celebrate quando oramai L’Unità non esiste più: ma come si fa a festeggiarla da ‘morta’? E pensare che ci vanno anche personalità politiche che quel giornale avrebbero dovuto proteggere e tenere ben caro e invece lo hanno lasciato andare alla deriva, come se fosse meno di un inutile orpello, quasi un peso legato alla caviglia di cui liberarsi il prima possibile".

Furio Colombo sottolinea "l’errore clamoroso per la sinistra ovvero il poter pensare che i passaggi in tv potessero sostituire un quotidiano di riferimento così prestigioso. Quelli che vedono ora Soru a giudizio sono quei tipici modi di passare attraverso le reti finanziarie, inciampando poi in qualche tribunale. Peccato, perché in tanti abbiamo messo tanto impegno personale e professionale nell’Unità".

(dì Enzo Bonaiuto)