Editoria, Magi (Ri+Eu): a "La Stampa" trasferimenti gravi e discriminatori

Pol/Gal

Roma, 27 feb. (askanews) - "Desta preoccupazione il trasferimento di 8 giornalisti del quotidiano La Stampa (su 22 della redazione romana) da Roma a Torino senza alcuna comunicazione o contatto preventivo rispetto all'annuncio ufficiale; ancora più grave che 6 trasferimenti su 8 riguardino donne, in larga parte madri o figlie con genitori anziani a cui prestare assistenza", afferma Riccardo Magi, deputato di Radicali + Europa in una nota.

"Una decisione che viola l'art. 25 del Codice delle pari opportunità, il quale chiaramente delinea e definisce i comportamenti discriminatori, oltre che il Contratto Nazionale dei giornalisti a causa della mancata comunicazione del provvedimento agli interessati e l'art.33 della Legge 104 per la mancanza di un confronto sulle problematiche personali e professionali dei singoli" continua.

"È urgente che il governo si adoperi per assicurare la salvaguardia degli attuali posti di lavoro, anche attraverso l'avvio immediato di un tavolo istituzionale nel quale siano presenti le rappresentanze sindacali sia nazionali che regionali interessate. Per questo sottoscrivo l'interrogazione presentata dall'Onorevole Rossella Muroni e da altre deputate dell'Intergruppo Donne Diritti e Pari Opportunità; combattere le discriminazioni è una priorità che deve vedere impegnati per primi gli uomini".