Editoria: Treccani e Impactscool per Treccani Futura, nuovo polo edtech italiano (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Il nostro percorso ci ha permesso di portare e diffondere anche in Italia lo studio dei futuri, sia nelle scuole sia nelle aziende – dichiara Cristina Pozzi – Un lavoro sperimentale riconosciuto anche a livello internazionale che ha raggiunto centinaia di migliaia di utenti sul nostro magazine online, ha dato vita a una community di oltre 70 ambassador in tutto il Paese e che ha coinvolto Impactscool in programmi come la task force del Ministero dell’Istruzione istituita per l’emergenza Covid-19 o il protocollo d’intesa siglato con il Miur fin dal 2017 per promuovere le attività in Italia".

"Lavorare con Treccani per la costruzione di un centro di eccellenza nel campo dell’educazione è per noi un grande privilegio e onore – dichiara Andrea Dusi, già protagonista con Cristina Pozzi dell’exit di Wish Days a Smartbox nel 2016 – Il sodalizio con le competenze e il ruolo che Treccani ha da sempre esercitato nel settore della formazione, anche attraverso la sua piattaforma didattica Treccani Scuola, ci permette di capitalizzare il valore di contenuto e competenza di Impactscool. Quando siamo entrati in contatto con il mondo Treccani, abbiamo capito quanto le nostre visioni fossero allineate e come per noi fosse naturale la scelta di un percorso comune".

"Abbiamo individuato in Impactscool un partner molto valido e un patrimonio di competenze e valori condivisi intorno ai quali integrare e sviluppare nell’ecosistema Treccani un approccio sperimentale e innovativo – dichiara il Presidente di Treccani Futura Massimo Lapucci -.Vogliamo presentare, nei prossimi mesi, un’offerta trasversale rivolta a una vasta ed eterogenea platea di utenti, contribuendo così, direttamente e con responsabilità, alla costruzione di una nuova visione di cultura nel nostro Paese e confermando il ruolo di guida e di orientamento del Gruppo Treccani nella diffusione del sapere".