'Edward mani di forbice' doveva essere Tom Cruise: perché rifiurò

·2 minuto per la lettura

Ci sono film, come ad esempio 'Edward mani di forbice', con interpretazioni divenute così iconiche, che è difficile pensare che quel volto non fosse la prima scelta del regista.

LEGGI ANCHE:-- Stasera in tv, La maledizione della prima luna su Italia 1: gli errori nel film che non sapevate

È quello che sarebbe potuto succedere con il celebre film di Tim Burton del 1990, in cui Johnny Depp è il ragazzo artificiale che conquisterà il cuore della bella Winona Ryder.

Quarto film di Tim Burton, che considera questa pellicola la più rappresentativa del suo universo cinematografico, 'Edward mani di forbice' è una rivisitazione de 'La bella e la bestia'. Un racconto senza tempo, acclamato dalla critica e dal pubblico. E sebbene Johnny Depp sia straordinario (e pensare ad Edward con un altro volto è difficile), il ruolo inizialmente fu offerto a Tom Cruise.

La star di Mission Impossible, che all'epoca aveva 28 anni e già 12 film all'attivo tra cui capolavori come Rain Man e Top Gun, in un primo momento aveva accettato il ruolo. A rivelarlo è stato proprio Depp in un'intervista riportata da The Thing.

"La 20th Century Fox era interessata a me per il ruolo principale, ma sapevo che avevano qualcun altro in mente. Qualche giorno dopo, infatti, mi chiamarono per dirmi che lo studio aveva scelto l'altro attore e così ho scoperto che si trattava di Tom Cruise".

Johnny Depp

Che cosa ha fatto fare marcia indietro a Cruise?

Pare che il divo di Hollywood avesse molte domane considerate inopportune su quel ruolo e che non fosse convinto del dover nascondere il suo volto sotto quell'aspetto pallido caratteristico di Edward. Stando a quanto raccontato dalla sceneggiatrice del film, Caroline Thompson, Cruise voleva sapere ad esempio come il ragazzo androide facesse ad andare in bagno. Domande che non piacquero né a lei né a Burton.

"Voleva sapere come faceva Edward ad andare al bagno. Faceva questo tipo di domande riguardo il personaggio che non erano adatte a un personaggio come quello. Parte della poeticità della storia risiedeva proprio nel non doversi chiedere cose come: Come fa ad andare in bagno? Come ha vissuto senza mangiare per tutti questi anni? Tom Cruise non poteva fare il film senza ricevere risposta a questo genere di domande".

Caroline Thompson in un'intervista al Dazed Digital nel 2015

Dopo un confronto con il regista Tom Cruise decise di lasciare il ruolo, che andò così a Johnny Depp che regalò un'interpretazione intensa e commovente capace ancora oggi di far sognare.

Crediti foto@Kikapress