Effetto Covid: l'83% degli italiani non ha più voglia di fare sesso

·2 minuto per la lettura
REUTERS/Juan Gonzalez
REUTERS/Juan Gonzalez

Da quando è esplosa la pandemia di coronavirus la libido degli italiani ha subito un drastico calo: l'83% non ha più voglia di fare sesso e, tra tutti gli altri, solo il 23% ha mantenuto un livello di attività sessuale simile al periodo pre-covid. Lo dimostra una ricerca che ha analizzato il rapporto degli italiani con il sesso dopo il lockdown. 

LEGGI ANCHE: Sesso non protetto per 1 giovane su 4 e superalcolici per 1 su 2

Lo studio, promosso da Durex nell’ambito della campagna globale Safe is the new normal, ha coinvolto 500 italiani di età compresa tra i 16 e i 55 anni. Tra le cause del calo della libido, gli intervistati hanno segnalato ansia, paura del contagio, presenza dei bambini in casa, limitazioni della mobilità e obbligo di distanziamento sociale.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Vladimir Luxuria: "Niente sesso senza vaccino"

“La pandemia ha generato effetti psico-sessuali a breve e lungo termine”, ha spiegato la dottoressa Sonia De Balzo, sessuologa e specialista in Psicologia clinica e dello sviluppo dell’Ospedale Domenico Cotugno di Napoli, che ha partecipato alla ricerca, "si sono drasticamente ridotte le pratiche sessuali, compreso il petting, con i partner occasionali ma anche con il partner stabile”.

LEGGI ANCHE: "Il 'day after' delle coppie è ancora lontano. Vacciniamoci se vogliamo tornare a fare l'amore"

I più colpiti sono i single: quelli che non avevano alcuna frequentazione hanno lamentato una diminuzione dell’attività sessuale del 98%. Chi, invece, aveva un rapporto saltuario ha sperimentato qualche difficoltà in meno, con un calo dell’attività sessuale del 93%.

LEGGI ANCHE: 10 domande di coppia che i partner con grande complicità si sono fatti almeno una volta nella loro storia

Anche i partner non conviventi hanno risentito della situazione. Durante il lockdown hanno vissuto un calo delle attività sessuali del 98%. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Protesta delle lavoratrici del sesso davanti al Parlamento di L'Aja: "Perchè non possiamo lavorare?"

Le coppie conviventi, invece, hanno invece visto un cambiamento nelle abitudini sessuali: nel 65% dei casi c'è stato un calo delle attività sessuali, con una riduzione del desiderio del 62% e della soddisfazione sessuale, che è diminuita dal 73% al 58%. L’insoddisfazione è salita dal 17% al 22%.