Su la borsa, giù lo spread: è già effetto-Draghi

·2 minuto per la lettura

AGI - Se la politica ancora discute, gli investitori invece sembrano decisamente più sicuri: un governo targato Mario Draghi, l'ex governatore della Banca d'Italia ed ex presidente della Bce, sarebbe positivo per l'Italia in un momento cruciale.

Da quando ieri sera il portavoce del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha annunciato l'incontro di oggi al Quirinale, l'idea che sia 'Super Mario', l'uomo del 'whatever it takes', a guidare il Paese fuori dalla crisi politica e a scrivere il piano per sfruttare gli oltre 200 miliardi del recovery fund, piace ai mercati.

Piazza Affari, sin dalle prime battute della mattina, ha iniziato a correre, riportandosi, in giornata, vicina ai massimi post-Covid, per poi chiudere in rialzo del 2,09% a quota 22.527 punti. Lo spread tra Btp e Bund, in una sola giornata, è sceso di 8 punti base, portandosi a quota 105 (erano 101 l'8 gennaio, non si scende sotto quota 100 dall'inizio del 2015).

L'effetto-Draghi - quello di un uomo conosciuto, e rispettato sui mercati - si è già insomma fatto sentire e se il tentativo di dare al paese un governo guidato da lui avrà successo potrebbe continuare a farlo. Secondo le previsioni degli analisti, infatti, un esecutivo di questo tipo sarebbe "una soluzione favorevole al mercato, che allieverebbe le preoccupazioni per gli asset italiani", come sottolinea Matteo Ramenghi, capo investimenti di Ubs Wm in Italia. 

Si spinge più in là Fabio Castaldi di Pictet Asset Management, che con Super Mario (sul tema è già spuntato un murales di TvBoy) a palazzo Chigi immagina lo spread a quota 70-80 punti base mentre se si andasse alle urne "rivedrebbe probabilmente i 150 punti base".

"Il mercato ha ovviamente reagito in maniera positiva all'arrivo di Draghi - aggiunge Diego Toffoli di Intermonte Sim - il rendimento del Btp decennale italiano e' tra i piu' alti in Europa ed è probabile che questo gap si ridurrà ulteriormente. Inoltre, il mercato azionario italiano ha chiuso il 2020 in coda agli altri mercati europei e potrebbe recuperare il terreno perduto".

Un governo Draghi inoltre "potrebbe supportare il consolidamento nel settore bancario. Ci si aspetta anche un'accelerazione nella stesura del recovery plan e questo indirizzerebbe investimenti nelle infrastrutture e nel 5G". Anche per questo, a correre a Piazza Affari sono stati soprattutto i titoli di questi comparti: toniche le banche (Intesa +4,29%, Unicredit +4,18% %), bene Poste, gli assicurativi e il risparmio gestito, su Enel (+4,29%) e Tim e avanti di corsa anche Atlantia (+6,08%) che potrebbe vedere più vicina la chiusura del dossier Aspi. Insomma, per dirla con le parole di Luigi De Bellis, co-responsabile dell'Ufficio Studi di Equita, "la credibilità di Draghi a livello internazionale potrebbe spostare flussi di capitale sull`Italia" e portare a una "riduzione dello 'sconto Italia'".