Efficacia cala dopo 6 mesi, Pfizer chiede ok per la terza dose

·1 minuto per la lettura
featured 1423411
featured 1423411

Milano, 9 lug. (askanews) – Primi passi concreti verso il terzo richiamo di vaccino anti Covid. La casa farmaceutica statunitense Pfizer intende chiedere all’EMA e alla FDA, le autorità del farmaco in Ue e Usa, il via libera per una terza dose.

“Come si vede dai dati raccolti sul campo dal ministero israeliano della Salute” ha spiegato l’azienda, “l’efficacia del vaccino nel prevenire sia l’infezione che lo sviluppo dei sintomi declina sei mesi dopo la vaccinazione, sebbene resti alta l’efficacia nel prevenire i casi gravi”.

C’è da considerare anche la diffusione della contagiosa variante Delta e la possibilità di altre varianti, visto che il virus continua a circolare.

La terza dose sarebbe da programmare fra i 6 e i 12 mesi dopo la seconda dose e porterebbe a quintuplicare o decuplicare gli anticorpi rispetto a quelli sviluppati con la seconda dose.

Tutto questo signfica anche organizzare una campagna di richiami mentre milioni di persone nel mondo non hanno ancora ricevuto la prima dose.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli