Egitto, Amnesty denuncia più grande ondata arresti nell'era Al Sisi -4-

Orm

Roma, 4 ott. (askanews) -

Amnesty International ha anche visionato immagini nelle quali "informatori" in borghese picchiano e arrestano un ragazzo di 17 anni al Cairo.

La maggior parte dei minorenni arrestati non è in grado di comunicare coi genitori ed è detenuta insieme agli adulti in violazione degli standard internazionali.

Avvocati, giornalisti ed esponenti politici Amnesty International ha documentato l'arresto di 10 giornalisti, la maggior parte dei quali paradossalmente lavora per organi d'informazione filogovernativi, soprattutto a Suez e Mahalla, e di almeno 25 accademici ed esponenti politici di quattro diversi partiti. A queste categorie appartengono il giornalista ed ex segretario del partito Dostour (di ispirazione liberale) Khaled Dawoud e i docenti di scienze politiche Hassan Nefea e Hazem Hosny.

Gli avvocati arrestati sono almeno 16.

Il 29 settembre Mohamed el-Baqer, avvocato e direttore del Centro "Adalah" per i diritti e le libertà è entrato nel palazzo della procura suprema per la sicurezza dello stato per assumere la difesa dell'attivista Alaa Abdel Fattah ed è stato raggiunto dalle stesse infondate accuse mosse al suo cliente: "appartenenza a un gruppo illegale" e "diffusione di notizie false".

Almeno sette cittadini stranieri sono stati arrestati e costretti a "confessare", di fronte a una videocamera, di cospirare contro l'Egitto. Tali dichiarazioni sono state trasmesse da un canale televisivo privato.

Ex prigionieri Un aspetto particolarmente grave e irregolare è stato l'arresto di ex prigionieri sottoposti a misure cautelari come la permanenza notturna nelle stazioni di polizia. In alcuni casi queste persone non si trovavano neanche nei pressi delle manifestazioni.

Alaa Abdel Fattah, attivista politico e ingegnere informatico salito alla ribalta durante la rivolta del 2011, è stato arrestato il 29 settembre. Aveva già scontato un'ingiusta condanna a cinque anni per aver preso parte, nel 2013, a una protesta pacifica. Al momento dell'arresto era sottoposto alla misura cautelare della permanenza notturna di 12 ore per cinque anni nella stazione di polizia di Dokki, al Cairo. Ciò nonostante è stato accusato di "appartenenza a un gruppo illegale" e "diffusione di notizie false".

Mohamed Ibrahim, fondatore del noto blog "Ossigeno Egitto" è stato nuovamente arrestato il 21 settembre per aver postato video delle proteste mentre era sottoposto alla medesima misura cautelare in una stazione di polizia del Cairo.

Fermi e perquisizioni a caso Per impedire nuove proteste il 27 settembre, le forze di polizia hanno istituito posti di blocco informali nel centro del Cairo e di Alessandria: "informatori" in borghese e agenti di polizia hanno fermato persone a caso ordinando loro di consegnare gli smartphone per controllare i contenuti dei loro profili social. In alcuni casi questi controlli hanno dato luogo ad arresti. Sempre al Cairo, le forze di polizia hanno effettuato perquisizioni senza mandato in diverse abitazioni. (Segue)