Egitto: Boldrini, 'cittadinanza a Zaki gesto chiaro e concreto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 lug. (Adnkronos) – Patrick Zaki è in carcere perché accusato di essere un oppositore del regime illiberale di Al Sisi. Viene accusato, cioè, di essere animato da quegli stessi valori di libertà e di giustizia che sono scritti nella nostra Costituzione”. Così Laura Boldrini, deputata del Pd e presidente del Comitato per i diritti umani nel mondo, intervenendo in Aula in occasione del voto della mozione per il riconoscimento della cittadinanza italiana a Zaki promossa dai deputati Pd Lia Quartapelle e Filippo Sensi.

“Abbiamo bisogno di altri gesti, forti e chiari, non bastano le belle parole –ha spiegato-. La concessione della cittadinanza italiana è uno di questi gesti, chiari e concreti. Altri dovranno seguirne, se Zaki non sarà liberato, se non ci sarà consentito di raggiungere la verità giudiziaria –perché quella storica è già evidente– sulla morte di Giulio Regeni. Ne va della dignità del nostro Paese. Personalmente credo che dovremmo chiederci, ad esempio, che senso abbia, in questo contesto, continuare a vendere armamenti da guerra all’Egitto, come nel caso più recente delle due fregate di classe Fremm, anche tenendo conto del fatto che la legge 185 vieta l’esportazione di armamenti verso Paesi i cui Governi sono responsabili di gravi violazioni delle convenzioni internazionali in materia di diritti umani”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli