Egitto, docente al Azhar: "Lecito" fare sesso con la moglie defunta

Fth

Roma, 18 set. (askanews) - Fare sesso con la moglie defunta "è Halal"; ovvero 'lecito" per l'Islam. E' questo il senso di una incredibile fatwa islamica emessa da un eminente docente dell'università di al Azhar, la massima autorità religiosa dell'Islam sunnita nel mondo che la sua sede nella capitale egiziana il Cairo. L'editto religioso che ammette quello che viene chiamato "il coito d'addio" con la consorte morta ha provocato un coro di condanne in tutto il Paese come riportano oggi diversi media locali.

A pronunciare la controversa fatwa in un programma televisivo è Sabri Abdul Rauf, docente di Giurisprudenza comparata all'Università al Azhar. "Il coito d'addio è insolito ma è Halal", ha detto il professore all'emittente satellitare LTC. Alla domanda del giornalista se fare l'amore con una morte non sia da considerare "la profanazione di un cadavere", il docente di Giurisprudenza islamica non ha dubbi e spiega che "il marito che fa questo non compie un atto illecito e quindi non può essere condannato per adulterio".

Il sito panarabo "Elaph" ha diffuso il filmato dell'intervista trasmessa dalla tv LTC nella quale si vede il docente pronunciare e difendere il suo editto. La settimana scorsa lo stesso docente aveva pronunciato una altro editto contestato con il quale autorizzava mariti e mogli di "filmare gli atti coniugali al fine di promuovere goduria e eccitazione".

Immediata la condanna del ministro egiziano per la Sovraintendenza religiosa, Mukhtar Juma'a il quale ha espresso "Grande dispiacere per un editto così insano ed illogico", per il quale "Fatwa del genere deformano l'immagine dell'Islam e dei musulmani nel mondo e danneggiano tutti noi".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità