Egitto, M5s: costante lavoro diplomatico su vicenda Zaki

Pol-Afe

Roma, 12 feb. (askanews) - "Il ministro degli Esteri Di Maio ha chiarito che l'ambasciata italiana al Cairo sta lavorando senza sosta per ottenere informazioni su Patrick George Zaki, lo studente all'università di Bologna arrestato la scorsa settimana mentre era in visita alla sua famiglia in Egitto. L'interessamento dell'Italia sul processo contro il giovane egiziano ci rassicura, soprattutto per quanto riguarda le garanzie sul rispetto dei diritti umani". È quanto affermano in una nota i parlamentari del Movimento 5 Stelle nelle commissioni Esteri di Camera e Senato.

"La vicenda di Zaki è chiaramente diversa da quella di Giulio Regeni. Ciò non toglie che l'Italia si sta impegnando a livello diplomatico per non interrompere i contatti con le istituzioni egiziane nella ricerca della verità", continuano i parlamentari.

"La nostra presenza diplomatica in Egitto ci consente di monitorare da vicino la situazione e lavorare, insieme all'Unione europea e agli altri organi di garanzia, per chiarire quanto è accaduto", concludono.