Egitto, ragazzino 12enne attaccato da uno squalo mentre fa snorkeling

·1 minuto per la lettura
Squalo attacca turisti a Sharm El-Sheikh, 12enne perde un braccio
Squalo attacca turisti a Sharm El-Sheikh, 12enne perde un braccio

Tragedia a Sharm El-Sheikh, in Egitto, dove nella giornata del 27 ottobre uno squalo ha attaccato una gruppo di turisti mentre stava facendo snorkeling lungo la locale barriera corallina, ferendo gravemente la guida dei gruppo e un ragazzino di 12 anni di nazionalità ucraina che a seguito dell’attacco ha perso un braccio. Rimasta ferita anche la madre del 12enne, anche se in maniera meno grave del figlio che si trova attualmente ricoverato nel reparto di rianimazione.

Egitto, squalo attacca gruppo di turisti

Stando alle informazioni riportare della testate internazionali, l’attacco dello squalo è avvenuto in un tratto di mare facente parte del parco nazionale egiziano Ras Mohammed, dove il 12enne, la madre e alcuni familiari si erano recato per visitare la rinomata barriera corallina li presente. Mentre erano immersi in acqua, lo squalo si sarebbe avvicinato assalendo il ragazzino e la guida e provocandogli ferite gravissime agli arti.

Alla vista dell’animale, secondo le autorità egiziane un esemplare di squalo pinna bianca di circa due metri di lunghezza, tutti i presenti sarebbero infatti corsi a ripararsi sulla barca, mentre la guida, il ragazzo e la madre di quest’ultimo non sarebbero riusciti a raggiungere l’imbarcazione, finendo tra le fauci della creatura. A seguito dell’attacco e nonostante le cure tempestive della struttura ospedaliera in cui è stato trasportato il 12enne ha infatti purtroppo perso il braccio, mentre la guida turistica è rimasta amputata a una gamba. Ferita anche la madre del giovane, anche non in modo grave. Nel frattempo le autorità hanno temporaneamente chiuso il parco nazionale Ras Mohammed.