Egitto, scontro tra treni: almeno 32 morti e 66 feriti

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Almeno 32 persone sono morte e 66 sono rimaste ferite nella collisione tra due treni a nord della città di Sohag, capoluogo dell'omonimo governatorato dell'Egitto centrale. Lo ha reso noto il ministero della Salute egiziano, secondo quanto riporta 'al-Arabiya'.

"Alcuni individui hanno attivato i freni di emergenza" su uno dei due treni, ha reso noto l'Autorità ferroviaria egiziana, spiegando che quest'azione ha arrestato la marcia del treno, che è stato poi colpito dal secondo convoglio che arrivava da dietro.

Quello di oggi è solo l'ultimo di una serie di gravi incidenti ferroviari nel Paese spesso imputati a scarsi investimenti e alla manutenzione carente della rete.

Il 27 febbraio 2019 un locomotore non si fermò alla fine del binario e l'urto innescò un devastante incendio alla stazione di Ramses, al Cairo, che provocò 28 morti e 52 feriti. A seguito di quell'incidente si dimise l'allora ministro dei Trasporti, Hisham Arafat. L'incidente più grave nella storia dell'Egitto risale tuttavia al 2002, quando oltre 370 persone rimasero uccise in un incendio scoppiato su un treno stracolmo di passeggeri in viaggio sulla linea che collega Il Cairo a Luxor.

Tra i peggiori incidenti ferroviari c'è anche quello che nell'agosto del 2006 costò la vita a 58 persone, morte per lo scontro tra due treni che viaggiavano sullo stesso binario a nord del Cairo. Nell'agosto del 2017, due treni si scontrarono nei pressi della città di Alessandria e il bilancio delle vittime superò i 40 morti. Nel febbraio del 2018 almeno 15 persone morirono nello scontro tra due treni nella provincia di Beheira.