Egitto, una nuova capitale amministrativa faraonica nel deserto

·1 minuto per la lettura
featured 1539497
featured 1539497

Roma, 15 nov. (askanews) – Sorge in mezzo al deserto, a soli 50 chilometri dal Cairo. E’ la nuova “capitale amministrativa” dell’Egitto voluta dal presidente al-Sisi. In parte è ancora vuota e ancora in costruzione. E’ enorme, sorge su un sito di 730 Km quadrati, un progetto sfarzoso e faraonico, troppo caro per la maggior parte degli egiziani. Solo la prima fase dei lavori è costata 25 miliardi di dollari.

Ha torri altissime, un palazzo dei congressi rococo, ricorda per certi versi Dubai.

“Molti progetti hanno creato nuove possibilità di lavoro e tanti laureati disoccupati hanno trovato impiego da ingegneri qui – dice Mohamed Mahmoud, operaio – insomma è una buona occasione”.

Dovrebbe allegerire per certi versi il caos del Cairo. Khaled al Husseini, portavoce dell’ente pubblico costruttore, spiega: “Il Cairo resterà la capitale politica dello Stato egiziano dalla storia millenaria; la nuova capitale amministrativa è un’estensione organizzata del Cairo con infrastrutture intelligenti, sarà la prima città ‘intelligente’ in Egitto”.

Non si s ancora quando sarà inaugurata. La data prevista era a giugno ma è stata rimandata. Non sarà comunque una città per tutti. “Il prezzo degli appartamenti e delle ville sorpassa i mezzi di gran parte dei cittadini – afferma Moustafa Kamal al-sayyed, politologo – se l’obbiettivo è accogliere sei milioni di egiziani, di che tipo di cittadini si tratta?”.

Su 102 milioni di egiziani, un terzo vive sotto la soglia di povertà.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli