Eitan Biran, la nonna in Israele: "Non è rapimento, sua casa è qui"

·1 minuto per la lettura

Il piccolo Eitan Biran? "La sua casa è qui in Israele, l'ebraismo è quello che conosce, la vita di Eitan in Israele è una grande festa, se loro (gli zii paterni Biran, ndr) vogliono prendere parte, sono tutti invitati". Lo dice in un'intervista alla tv israeliana Channel 13 la nonna del bimbo unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, ribadendo che "non si è trattato di un rapimento".

"Un giorno cercherà su google e gli dirò, Eitan, sei il centro del nostro mondo, i tuoi genitori sono sepolti qui, anche tuo fratello", continua Etty Cohen, che racconta di come il nipotino, riportato in Israele dal nonno l'11 settembre scorso, togliendolo alla zia Aya cui era affidato, sia "felice, mangia, è così contento...siamo tutti qui per Eitan, questo è quello che conta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli