Eitan Biran, legali zia: "Speriamo in rientro veloce in Italia"

·1 minuto per la lettura

Sul caso di Eitan Biran, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, "ci felicitiamo per la decisione della Corte distrettuale di Tel Aviv: una decisione giusta e rapida nello spirito della Convenzione Aja. Auspichiamo un rientro veloce di Eitan in Italia e un’altrettanto veloce definizione dei procedimenti qui pendenti, perché possa cessare il clamore mediatico attorno a una vicenda complessa e dolorosa che coinvolge un minore che ha diritto di riprendere a vivere con serenità e rispetto della sua privacy". Lo affermano all’Adnkronos gli avvocati Cristina Pagni e Grazia Cesaro, che rappresentano Aya, la zia paterna di Eitan, all’indomani della decisione della corte israeliana che ha respinto il ricorso del nonno materno Shmuel Peleg.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli