El Paso e Daytona, weekend horror in Usa: due stragi e 29 morti

Dayton, 5 ago. (askanews) - Lutto nazionale e polemiche negli Strati uniti dopo il weekend di sangue. Un duplice attacco di matrice suprematista e razzista a distanza di poche ore ha colpito El Paso, in Texas, Dayton, in Ohio. La follia cieca di due killer ha provocato una strage: sono almeno 20 i morti al supermercato Walmart della cittadina al confine con il Messico; nove, invece, le vittime nel Midwest, dove il killer - dotato di giubbotto antiproiettile - ha aperto il fuoco in un bar, prima di essere ucciso a sua volta. Decine i feriti, mentre le autorità di sicurezza sono alla ricerca di un possibile complice dell'omicida dell'Ohio, che si sarebbe allontanato velocemente dal luogo della strage a bordo di una jeep scura.

"Voglio dire che questi sono due posti incredibili, noi amiamo la gente non c'è posto per l'odio nel nostro paese" ha detto Donald Trump spiegando che sono stati atti di codardia. "Io sto con tutti coloro che in questo Paese condannano i crimini d'odio" ha aggiunto il Presidente.

Intanto, negli Stati Uniti sono riesplose le polemiche sul possesso di armi, per molti fin troppo facile. Le raffiche di colpi sparati con armi pesanti; i corpi di vittime innocenti che giacciono per terra in pozze di sangue hanno shoccato la popolazione e i democratici guidati da Sanders chiedono una legge per limitare il diritto al possesso di armi.