Elena Del Pozzo, la madre: "L'ho colpita mentre ero girata, non volevo vedere"

Elena Del Pozzo, la madre:
Elena Del Pozzo, la madre: "L'ho colpita mentre ero girata, non volevo vedere"

La madre di Elena Del Pozzo, Martina Patti, è una donna "lucida e calcolatrice" e se non arrestata "potrebbe darsi alla fuga". Lo ha scritto il gip di Catania, Daniela Monaco Crea, tra le 15 pagine dell'ordinanza cautelare in carcere emessa nei confronti della 23enne per l'omicidio e l'occultamento di cadavere della figlia di 5 anni.

La bambina, "vittima di una morte violenta particolarmente cruenta e anche lenta", è stata uccisa da una donna che in tutte le fasi dell'omicidio "deve essere stata necessariamente nel pieno delle sue facoltà". E’ quanto si legge negli stralci del provvedimento riportati dal Corriere della Sera e da La Sicilia.

LEGGI ANCHE: Omicidio Elena del Pozzo: rinvenute dai Ris tracce di sangue in casa

Il racconto di Martina Patti al Gip

Al Gip la donna ha raccontato: "Ho portato Elena in questo campo e le ho fatto del male e non ricordo altro" e di avere "una cosa lunga tipo un coltello, non ricordo dove l'ho preso, non so perché ce l'avevo". Spiegando la dinamica dell’omicidio, la 23enne ha rivelato di non ricordare come ha colpito sua figlia “perché ero girata e non volevo guardare".

Poi ancora: "Non ricordo cosa sia passato nella mia mente quando ho colpito mia figlia, anzi posso dire che non mi è passato nessun pensiero, come se in quel momento fossi una persona diversa". E sull’occultamento del cadavere ha detto: "Non ricordo di aver sotterrato la bambina, ma sicuramente sono stata io", ma la donna ha ammesso di aver portato al campo dove è stato commesso l’omicidio “una busta di plastica di colore nero che ho strappato dal rotolo prima di uscire di casa".

LEGGI ANCHE: Morte Elena, la madre: "L'ho uccisa nel campo da sola"

GUARDA ANCHE: Omicidio Elena Pozzo, cos’è la sindrome di Medea?

Sul comportamento della Patti il Gip ha scritto che la donna ha dimostrato “un istinto criminale spiccato e di elevato grado di pericolosità". A ciò va aggiunto che la 23enne non avrebbe manifestato segni di pentimento: "ha inscenato il rapimento con estrema lucidità e non ha manifestato segni di ravvedimento e pentimento. Tutti elementi che denotano una particolare spregiudicatezza, insensibilità, assoluta mancanza di resipiscenza".

LEGGI ANCHE: Omicidio Elena, il padre: "Martina è un mostro, omicidio premeditato"

I funerali

Mercoledì 22 giugno, a partire dalle ore 17, nella Cattedrale di Catania, saranno celebrati i funerali di Elena Del Pozzo. “La Celebrazione delle esequie sarà trasmessa in diretta sui canali di Youtube e Facebook della Arcidiocesi di Catania", si legge in una nota dell'Arcidiocesi.

GUARDA ANCHE: Elena Del Pozzo uccisa dalla madre: la confessione

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli