Elettrodotto Terna in Abruzzo, Marsilio: un ponte con i Balcani

Xab

Pescara, 15 nov. (askanews) - Il presidente della Giunta regionale dell'Abruzzo, Marco Marsilio, ha partecipato oggi alla cerimonia di inaugurazione del primo 'ponte elettrico' tra l'Europa e i Balcani. Una cerimonia alla quale ha preso parte il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha inaugurato l'elettrodotto Italia-Montenegro realizzato da Terna, tra la sottostazione di Cepagatti (Pescara) in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. I lavori per la posa dei cavi dell'opera, che si snoda per 445km, sono stati avviati tra il 2015 e il 2017 per un investimento totale di circa 1,1 miliardi di euro.

"E' una delle grandi infrastrutture strategiche del nostro Paese oltre all'importanza intrinseca, quest'opera consente infatti di mettere in sicurezza la fornitura di energia elettrica per il sistema nazionale, per noi è un simbolo: dimostra la posizione strategica dell'Abruzzo nell'area dei Balcani", ha detto il presidente Marco Marsilio. "E in questo contesto dobbiamo valorizzare la nostra collocazione territoriale anche per altri settori. E' un tema che sollevo sempre nei confronti del Governo e delle Istituzione europee che per decenni hanno tenuto ai margini la nostra regione, mentre l'Abruzzo rappresenta il ponte e la piattaforma naturale di relazioni con l'Est Europa, in particolare con l'area dei Balcani, area che si sta avvicinando all'Unione Europea. Intensificare i rapporti commerciali, culturali ed economici con queste regioni significa trasformare l'Abruzzo in uno snodo principale e strategico per rafforzare le relazioni con i Balcani", ha concluso. L'opera inaugurata oggi a Cepagatti (Pescara) rappresenta il più lungo collegamento sottomarino in alta tensione mai realizzato da Terna.