Elettrosmog, Romagnoli(M5S): non più rinviabili modifiche legge quadro

Cro-Mpd

Roma, 6 feb. (askanews) - "Dopo la recente sentenza della Corte di Appello di Torino, che ha confermato il nesso esiziale tra esposizione alle onde elettromagnetiche e l'insorgenza di alcune patologie come i tumori al cervello, occorre individuare misure per limitare potenziali effetti nocivi per la salute dovuti all'esposizione ad onde elettromagnetiche". Ne è convinto il senatore del M5S Sergio Romagnoli, promotore del convegno dal titolo "Pronti all'innovazione che cambierà il mondo?", al quale nel pomeriggio nella nuova Aula di Palazzo dei Gruppi della Camera hanno preso parte, fra gli altri, il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, il sottosegretario allo Sviluppo economico Mirella Liuzzi, il presidente dell'ISPRA Stefano Laporta, Fiorella Belpoggi dell'Istituto Ramazzini di Bologna, Alfio Turco CEO della Polab s.r.l e Raffaele Guariniello, già magistrato presso la Procura di Torino.

"Il tema delle emissioni elettromagnetiche da tempo è al centro del dibattito politico, a distanza di 20 anni dall'introduzione della legge quadro del 2001 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici ritengo non più rinviabile un aggiornamento, quantomeno della disciplina vigente", ha osservato Romagnoli nel corso dell'iniziativa, durante la quale sono stati proiettati due videomessaggi, uno del ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, l'altro del vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo. (Segue)