Elezioni 2021, Roma al ballottaggio. Milano, Napoli e Bologna al centrosinistra

·4 minuto per la lettura

Elezioni amministrative 2021, quando ancora è in corso lo spoglio, si profila la vittoria netta al primo turno del centrosinistra a Milano con Beppe Sala, a Napoli con Gaetano Manfredi e a Bologna con Matteo Lepore. Ballottaggio, invece, a Roma fra il candidato del centrodestra Enrico Michetti - in vantaggio - e il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri. Ed è ballottaggio anche a Torino, dove è in vantaggio il candidato del centrosinistra Stefano Lo Russo rispetto al candidato del centrodestra Paolo Damilano. Il centrodestra intanto conquista subito al primo turno la presidenza della Calabria.

I dati ufficiali del Viminale, relativi allo spoglio di 1.603 sezioni sulle 2.603 totali, confermano a Roma il ballottaggio tra il candidato del centrodestra Enrico Michetti, in testa con il 30,56%, e il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri con il 27%. La sindaca uscente Virginia Raggi candidata del M5S ottiene il 19,63% e Carlo Calenda il 18,86% dei voti.

I dati ufficiali del Viminale, relativi allo spoglio di 1.603 sezioni sulle 2.603 totali, confermano a Roma il ballottaggio tra il candidato del centrodestra Enrico Michetti, in testa con il 30,56%, e il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri con il 27%. La sindaca uscente Virginia Raggi candidata del M5S ottiene il 19,63% e Carlo Calenda il 18,86% dei voti.

Sulla base dei primi dati ufficiali dati forniti dal Viminale, quando sono state scrutinate 185 sezioni su 884, a Napoli Gaetano Manfredi, sostenuto da uno schieramento ampio formato da Pd, Movimento 5 Stelle e altri partiti di centrosinistra è al 63,46%, il candidato di centrodestra Catello Maresca è al 21,74%, e Antonio Bassolino al 7,64. I dati definitivi del Viminale relativi all'affluenza al voto per le elezioni comunali a Napoli vedono una diminuzione di circa 7 punti rispetto al voto precedente. Alle urne si è recato il 47,19% degli elettori contro il 54,12%.

Proiezioni

A Bologna il candidato di centrosinistra Matteo Lepore raggiunge il 62,05%, seguito da Fabio Battistini (centrodestra) con il 29,55%.Sono i dati parziali del Viminale quando sono stata scrutinate 402 sezioni su 445 per le comunali a Bologna.

Idati del Viminale, riferiti a 781 sezioni sulle 919 totali, confermano a Torino il ballottaggio tra il candidato del centrosinistra Stefano Lo Russo, in vantaggio con il 43,72%, e quello del centrodestra Paolo Damilano, al 38,79%. Valentina Sganga candidata di M5s è al 9,24%.

La lista civica ‘Torino Bellissima’ che sostiene Paolo Damilano si avvia ad essere il primo partito della coalizione di centro destra. Quando mancano poco meno di 300 seggi da scrutinare, infatti, Torino Bellissima registra l’11,26% dei consensi. A seguire FdI con il 10,64% che alle ultime elezioni regionali del 2019 aveva ottenuto il 10,64% dei voti. La Lega, al momento, è il terzo partito con il 10,37% dei voti, contro il 26% ottenuto alle regionali di due anni fa.

In base ai dati ufficiali del Viminale, quanto sono state scrutinate 536 sezioni su 2.421, è in testa per la guida della Regione Calabria il candidato del centrodestra Roberto Occhiuto con il 54,84% dei voti. La candidata del centrosinistra Amalia Bruni al 28,38%, Luigi De Magistris è al 15,27%. Praticamente identica l'affluenza al voto per le elezioni regionali in Calabria, rispetto alla precedente chiamata alle urne. I dati definitivi del Viminale danno infatti una affluenza definitiva al 44,36% contro il 44,33% precedente.

Affluenza a picco nelle elezioni comunali 2021, con Roma e Milano sotto il 50% dei votanti. Nella capitale, secondo i dati definitivi del Viminale, alle urne si è recato il 48,83% degli elettori contro il 57,03% delle precedenti elezioni comunali. A Milano ha votato il 47,69% degli aventi diritto contro il 54,65%. A Napoli, ai seggi si è presentato il 47,19% degli elettori contro il 54,12% delle precedenti consultazioni. Bologna supera il 50%: alle urne il 51,16% degli elettori, con un calo comunque evidente rispetto al 59,66% delle elezioni comunali precedenti. A Torino, secondo i dati del Viminale, diminuzione di circa 9 punti rispetto al voto precedente. Alle urne si è recato il 48,06% degli elettori contro il 57,18%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli