Elezioni 2022, birra gratis a chi va a votare: ecco come combattere l'astensionismo

Glasses with different sorts of craft beer on wooden bar. Tap beer in pint glasses arranged in a row. Closeup of five glasses of different types of draught beer in a pub.
Elezioni 2022, birra gratis a chi va a votare: ecco come combattere l'astensionismo

Difficile arginare la piaga dell'astensionismo, che rischia di raggiungere percentuali particolarmente elevate anche in vista delle elezioni del 25 settembre 2022. Per questo motivo, c'è chi si ingegna per trovare soluzioni che spingano gli elettori a recarsi alle urne. L'ultima iniziativa arriva da un bar nel Trevigiano.

VIDEO - Elezioni. Al voto il 25 settembre, la data fa sorgere dei dubbi sui social: ecco le migliori reazioni

Dopo il gelato gratis per chi arriva in negozio con la scheda elettorale timbrata, un'altra strategia davvero curiosa - e gustosa - arriva da Vittorio Veneto (Treviso).

LEGGI ANCHE: Elezioni 2022, Chiara Ferragni invita a votare: “Rischiamo di regredire di decenni”

L'iniziativa arriva da Dino Michelon, che da 41 anni è titolare di un pub. Per assaporare una birra in omaggio basterà esibire sul bancone, domenica 25 settembre, la propria tessera elettorale con timbro ben in vista. In questo modo Michelon vuole combattere l'astensionismo sempre più dilagante nel nostro Paese e invogliare tanti cittadini ad andare a votare. Come rinunciare a una bella birra fresca? In molti probabilmente sono pronti ad accogliere il suo appello.

GUARDA ANCHE - Elezioni, cosa succede se mi rendo conto di aver sbagliato a compilare la scheda del voto?

Quindi birra in omaggio, bionda o rossa, da 25 cc, per residenti e non solo. Lo ha spiegato lo stesso titolare: "Qualsiasi cittadino che abbia votato potrà venirmi a trovare, finché avrò birra domenica la distribuirò anche in questo modo. Con la consapevolezza che, in ogni caso, se un elettore non vuole recarsi alle urne non sarà certo una birra a convincerlo".

Come riportato da Tgcom24, Michelon ha motivato la sua iniziativa, dichiarando: "Non chiederò certo ai clienti cosa abbiano votato, il punto non è certo questo, purché abbiano esercitato il prezioso diritto. Visto l'interesse molto basso in occasione delle ultime tornate elettorali, ho ritenuto di contribuire a mio modo per richiamare l'importanza della libera espressione del consenso".