Elezioni 2022, Donzelli: "Letta a Berlino chiede aiuto per screditare Meloni" - Video

(Adnkronos) - Le elezioni 2022 alle porte, l'Ungheria di Orban, il Pnrr, ma anche Letta e il viaggio a Berlino "per screditare Meloni", il dietrofront di Salvini su Putin e l'invio di armi in Ucraina. Il deputato e responsabile nazionale organizzazione di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli ospite oggi di Adnkronos Live.

ELEZIONI - Giorgia Meloni sarà il futuro premier di questo paese? "Decideranno gli italiani", risponde il deputato di Fdi ad Adnkronos Live. "Rispettiamo il voto degli italiani. Fino a che non viene estratta l'ultima scheda, non ci esprimiamo. Noi auspichiamo di sì e auspichiamo che ci sia un governo stabile. Il vero problema dell'Italia sarebbe una maggioranza stretta, complicata, con accordi di palazzo. Se dobbiamo vincere, ci auguriamo di vincere bene per governare l'Italia per cinque anni", prosegue l'esponente di Fratelli d'Italia.

UNGHERIA - Per il Parlamento Ue l'Ungheria non è una "democrazia"? "L'Ungheria e Orban hanno votato alle Nazioni Unite con l'Occidente, contro la Russia, per far parlare Zelensky. Nonostante l'Ungheria abbia dimostrato di voler stare da questa parte del campo, stanno facendo di tutto per regalarla alla Russia. E' un errore strategico. Dobbiamo cercare di avvicinare più Nazioni possibile dalla parte dell'Occidente, della libertà. Non regalare Nazioni alla Russia", dice Donzelli ospite di Adnkronos Live.

Per lei, l'Ungheria va considerata ancora una democrazia? "Secondo me se votano i cittadini, non ci sono brogli e scelgono, è una democrazia", osserva Donzelli. "Se l'Ungheria è o no una democrazia va visto tecnicamente, non politicamente in base agli interessi economici della Germania o di altre Nazioni. Credo si debba lavorare per fare un'Europa inclusiva, forte, davvero unita. Invece - rimarca ancora l'esponente di Fratelli d'Italia - abbiamo l'impressione che troppe volte in Europa alcuni lavorino per fare un club ristretto di pochi privilegiati. Questo indebolisce l'Europa".

PNRR - Secondo lei, l'Europa proverà a chiudere i rubinetti del Pnrr all'Italia in caso di vittoria della destra alle elezioni? "No - replica Donzelli -, non converrebbe all'Europa. Non ha senso, nessuno darà motivo per fare questo. Crediamo che il Pnrr debba essere messo a terra. Non siamo convinti che il governo dei cosiddetti migliori abbia fatto tutto il possibile per fare dei buoni progetti, ci sono dei ritardi gravi su cui dovremo lavorare". "Quando noi diciamo di rinegoziare il Piano nazionale di ripresa e resilienza, è un interesse comune, condiviso. Il Pnrr - insiste Donzelli - è stato scritto un'era geologica fa: nel frattempo c'è stata la guerra, l'impennata delle bollette, la crisi energetica".

LETTA - L'incontro Letta-Scholz? "Sono preoccupato non tanto per i tedeschi ma per Letta. E' in difficoltà e, come si fa nei quiz, ha chiesto l'aiuto a casa: anzi, fuori casa. Arrivando in Germania Letta aveva due possibilità: la prima, provare a strappare un tetto europeo al prezzo del gas e quindi rafforzare l'Italia; l'altra, chiedere un aiuto per screditare la Meloni e il prossimo governo sapendo di perdere. Ha giocato la seconda, ha giocato contro l'Italia", dice ancora Giovanni Donzelli commentando ad Adnkronos Live il viaggio a Berlino del segretario del Pd e le critiche della Spd a Giorgia Meloni.

SALVINI - Salvini dice di aver cambiato idea su Putin con la guerra in Ucraina: una conversione tardiva? "Non è una conversione, niente è tardivo. L'importante - spiega ancora Donzelli -, chiaramente, è essere schierati tutti per la libertà. Non mi permetto di giudicare Salvini, però sicuramente l'invasione dell'Ucraina ha cambiato l'opinione di tutti nei confronti della Russia. Ricordo anche Letta, che andava a braccetto con Putin e cercava di intrattenere relazioni con lui...".

Da parte dell'Occidente sicuramente "sono stati commessi degli errori, ma qualsiasi riflessione viene sospesa nel momento dell'invasione in Ucraina. Da quel momento c'è chiaramente un giusto e uno sbagliato, un torto e una ragione. Non ci possono essere più dubbi", sottolinea Donzelli.

ARMI ALL'UCRAINA - Direste sì all'invio di nuove armi a Kiev, se necessario? "Questa guerra la dobbiamo vincere. Speriamo non sia necessario, però ovviamente non possiamo permetterci che vincano la Russia e la Cina. Quindi tutto quello che è necessario fare per far vincere l'Occidente, noi siamo pronti a farlo", risponde ad Adnkronos Live. Per l'esponente di Fratelli d'Italia, le "ripercussioni economiche" del conflitto in Ucraina "devono essere condivise. Se siamo tutti sulla stessa barca come Occidente, non possiamo pensare che l'Italia paghi le conseguenze delle sanzioni alla Russia più di altre Nazioni".

BERLUSCONI E UE - Berlusconi si propone come "garante" dell'atlantismo e dell'europeismo dell'eventuale, nuovo governo di centrodestra? Il leader di Forza Italia "giustamente fa il gioco di Fi - risponde Donzelli -. Noi ci auguriamo che ciascun partito del centrodestra prenda più voti possibile. Se questo è un argomento utile a Berlusconi per convincere una parte dell'elettorato che non vuole votare Fdi, ben venga. Noi non abbiamo bisogno di garanti, il garante nostro è il popolo italiano".

Sul tema dell'Europa, "noi non siamo antieuropeisti. Forse sono antieuropeiste alcune Nazioni che pensano un po' troppo agli interessi loro e a volte fanno incontri bilaterali a scapito di altri", rimarca Donzelli, che aggiunge: "Noi auspichiamo non di distruggere l'Europa ma di andare al governo dell'Europa insieme ai Popolari, di strapparli ai Socialisti, e fare un'alleanza di centrodestra europea". Non è sbagliato, dunque, definire Fdi un partito "europeista"? "Certo che no. Anzi, lo siamo più di altri", risponde Donzelli. "Ovviamente siamo in opposizione a questa Europa e vogliamo un'Europa migliore. Proprio perché l'amiamo, vogliamo un'Europa più forte".

ABORTO - Diritto all'aborto a rischio con la vittoria di Fdi alle elezioni? "No. Giorgia Meloni ha ripetuto in tutte le salse che non ha nessuna intenzione di modificare o abolire la 194. Non è a rischio l'aborto in Italia. Lavoriamo affinché si aumentino le possibilità per le donne di poter scegliere di tenere un figlio. Dare più possibilità alle donne non toglie alcun diritto alle donne che fanno altre scelte", sottolinea Donzelli.

CASO RICHETTI - Se credo alla versione di Richetti? "Non credo a Fanpage, che è capace di inventarsi delle campagne denigratorie per sputare fango e fare qualche clic. Non ho gli strumenti giuridici per dire se ha ragione Richetti o chi lo denuncia, però certamente non mi piace questo modo di provare a indirizzare le campagne elettorali gettando fango nel ventilatore sulle persone. E' uno stile sbagliato, non è giornalismo d'inchiesta questo", continua Donzelli, commentando le accuse di molestie rivolte al senatore di Azione Matteo Richetti da una donna intervistata dalla testata online Fanpage.

RENZI - Perché Renzi non si è candidato a Firenze? "Non lo so, probabilmente sa che nei collegi uninominali avrebbe perso e non ama perdere. Però sicuramente a Firenze avrebbe messo in difficoltà il Pd. Ha fatto il sindaco in quella città. Abbaiano e litigano, ma alla fine non si vogliono fare troppi dispetti", dice ad Adnkronos Live il deputato di Fdi.