Elezioni 2022, Fazolo che finì in lista 'putiniani': "Difficile ruolo Russia in crisi"

(Adnkronos) - "Sono perplesso da diverse cose. La prima è che ho l'impressione che ci sia una gestione anomala dei flussi di informazione. Secondo me in questa campagna elettorale qualche agenzia di intelligence sta interferendo, dire se si tratti dei russi, degli americani o degli italiani è difficile ma se le informazioni che escono vanno a beneficio di un governo, mi sento di chiedere di rendere conto a quel governo di come sta usando i servizi di intelligence". Lo afferma all'Adnkronos Alberto Fazolo, giornalista il cui nome era comparso nell'articolo del Corriere della Sera sui 'putiniani' in Italia e tra gli italiani citati nel bollettino sulla disinformazione del Dis poi desecretato, riguardo alle polemiche sulle possibili ingerenze straniere, in particolare russe, nella caduta del governo Draghi.

Secondo Fazolo ci sono delle "anomalie". "Che ci siano ingerenze straniere da parte degli americani mi pare conclamato - sottolinea - che ci possa essere stato qualche ruolo della Russia nella crisi di governo, magari attraverso la Lega, mi pare difficile. Se qualcuno ha le prove le tiri fuori e si valuterà".

Sulla possibilità che ingerenze e disinformazione si abbattano sulla campagna elettorale per le politiche, il giornalista sottolinea: "Dobbiamo fare attenzione a distinguere le informazioni false e sbagliate dalle opinioni. Rischiamo di andare verso il 'ministero della Verità' e di poter dire solo la versione che piace al governo. Attenzione - avverte Fazolo - perché da presupposti giusti si può arrivare a degenerazioni inquietanti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli