Elezioni: Amendola, 'o l'Europa o Orban, Meloni decida'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 set. (Adnkronos) – "Giorgia Meloni deve scegliere se è quella che arringa il popolo di Vox, l’ultradestra spagnola, che è spesso d’accordo con Marine Le Pen, che auspica la collaborazione con Fidesz, il partito di Viktor Orbán, oppure se è quella che ora prova a rassicurare l’Europa e i mercati”. Così Vincenzo Amendola, sottosegretario agli Affari europei e candidato capolista in Basilicata del Partito democratico alla Camera, in un’intervista a Formiche.net.

“Quando ci si candida a governare un Paese, la propaganda, le parole urlate servono a poco. Servono serietà e rigore. È in gioco il futuro di tutta l’Italia”, aggiunge.

“Europeismo e atlantismo sono i pilastri della nostra storia democratica, da affermare con forza maggiore dopo l’aggressione russa nel cuore del continente. Oggi il Pd è l’unica grande forza politica italiana a non aver mai avuto sbandamenti su questo tema. Siamo contenti di aver facilitato l’evoluzione del pensiero di altri movimenti sulla questione, ma, come dicevano i costituenti, la libertà va difesa ogni giorno. Ci sono ancora partiti che, nonostante la guerra in Ucraina, non riescono a condannare Vladimir Putin e il suo credo nelle 'democrazie illiberali'”.