Elezioni amministrative 2022, 18 candidati impresentabili: l’elenco da nord a sud

A Lodi saranno in lizza 5 candidati sindaco
A Lodi saranno in lizza 5 candidati sindaco

A due giorni dal voto per le elezioni amministrative, la Commissione antimafia ha reso noti i nomi dei candidati impresentabili riscontrati dopo una verifica a campione su 19.782 nominativi: sono in totale 18, distribuite dalla Sicilia al Friuli Venezia-Giulia, le personalità sulle quali pendono accuse o condanne per estorsione, corruzione, concussione e riciclaggio (reati in qualche caso aggravati dalla finalità mafiosa).

Candidati impresentabili alle elezioni amministrative 2022

La regione che conta il maggior numero di impresentabili è il Lazio, con 5 nomi segnati in rosso. Seguono la Sicilia, con 4 casi a Palermo, la Campania (2), la Calabria (2), la Puglia (2), il Veneto (1), l’Emilia-Romagna (1) e il Friuli (1).

L’elenco del Lazio contiene i nomi di:

  • Mauro Vicano, candidato sindaco di Frosinone imputato in un procedimento per traffico illecito di rifiuti (il quale si è detto certo di uscirne a testa alta e ha negato le accuse affermando che “non ho mai preso un euro e il processo riguarda una questione tecnica“);

  • Patrizia Giannoccoli, candidata consigliere a Frosinone rinviata a giudizio per estorsione;

  • Giuseppe Patrizi, candidato consigliere a Frosinone rinviato a giudizio per corruzione;

  • Brunella Pinciaroli, candidata ad Ardea condannata per estorsione;

  • Ernesto Garofalo, candidato a Ciampino condannato per reati di droga.

Questi invece gli impresentabili emersi in terra siciliana:

  • Giuseppe Lupo (Partito Democratico), rinviato a giudizio per corruzione;

  • Giuseppe Milazzo, eurodeputato di Fratelli d’Italia sotto processo per concussione;

  • Salvatore Lentini, condannato per tentata concussione;

  • Francesco La Mantia, condannato in primo e secondo grado per riciclaggio.

Quanto alla Campania, i fari sono accesi su Mondragone: la candidata Patrizia Barbato è stata rinviata a giudizio per corruzione mentre Antonio Valenza è finito sotto processo per riciclaggio. In Calabria le segnalazioni riguardano Luigi Maiorano (Acri), finito a processo per concussione aggravata da finalità mafiosa e Carmelina Carrozzino (Belvedere Marittimo), rinviata a giudizio per fraudolento trasferimento di valori. Per la Puglia i nomi sono quelli di Antonio Comitangelo, candidato a Barletta e giudicato dal GUP colpevole di corruzione, e di Francesco D’Andria, rinviato a giudizio per induzione indebita a dare o promettere utilità.

L’impresentabile del Veneto è invece Luca Bagliani, candidato a Verona e rinviato a giudizio per istigazione alla corruzione, quella dell’Emilia-Romagna Olga Marsico, candidata a Piacenza e condannata in primo e secondo grado per peculato, e infine quella del Friuli Silvana Romano, coinvolta in un procedimento in fase dibattimentale per tentata concussione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli