Elezioni: Berlusconi, 'nulla di strano se primo premier donna di centrodestra'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 set. (Adnkronos) – "Osservo che nei Paesi europei sono stati quasi esclusivamente i partiti di centrodestra a portare una donna alla guida del governo: penso a Margareth Thatcher e poi a Theresa May nel Regno Unito, dove probabilmente sarà una donna, Liz Truss, anche il nuovo premier che si insedierà nei prossimi giorni a Downing Street. Tutte esponenti del Partito conservatore. Penso ad Angela Merkel, leader della Cdu, per molti anni cancelliere tedesco e statista più influente d’Europa. Il partito Cristiano democratico in Germania fa parte, come noi, del Partito popolare europeo, il centro moderato cristiano e liberale, alternativo alla sinistra. Non ci sarebbe nulla di strano, dunque, che, anche in Italia, fosse il centrodestra ad indicare, per la prima volta, una donna a Palazzo Chigi". Lo dice Silvio Berlusconi in un'intervista America Oggi Tv e al 'Giornale delle partite Iva'.

"Del resto -aggiunge il leader di Fi- in questa legislatura è stata proprio Forza Italia ad esprimere, per la prima volta nella storia italiana, una donna alla seconda carica dello Stato, la presidenza del Senato. Voglio, però, aggiungere una considerazione: noi proporremo al Capo dello Stato il nome indicato da chi nel centrodestra avrà preso più voti alle elezioni. Non in quanto uomo o donna, ma in quanto leader scelto dagli italiani, per la prima volta dal 2008".