Elezioni: Bonelli a Calenda, 'ogni giorno insulti e ultimatum, Verdi hanno stessi voti di Azione'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 ago (Adnkronos) – "Ogni giorno Calenda mi insulta e si erge a censore altrui. Oggi ha detto che mi sarei inventato un partito all’ultimo secondo. I Verdi, di cui sono orgoglioso di far parte, sono nati il 16/11/1986. Non ho mai cambiato partito, lui si fa eleggere nel Pd e poi se ne va". Lo scrive Angelo Bonelli su Twitter in un thread di risposta al leader di Azione.

"Sempre oggi Calenda ha proclamato un ultimatum chiedendo al PD che io non sia candidato. Non è il PD che mi candida ma i Verdi che hanno organismi democratici e solo loro decideranno, perché noi presenteremo la nostra lista che secondo Ipsos e You trend ha stessi voti di Azione", prosegue il leader dei Verdi che poi risponde all'ex ministri su una serie di temi precisi come ambiente, energia, nucleare, rinnovabili.

"Io sono disponibile ad un pubblico confronto con Calenda sui temi dell’energia, del clima e anche dell’Ilva. A proposito di Ilva quella fabbrica ha provocato morte a causa dell’inquinamento da diossina e questo e’ scritto in una sentenza di un tribunale. Saluti verdi", aggiunge Bonelli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli