Elezioni: Bruno Bossio (Pd), 'Salvini ci riprova, sottrarre a sud risorse Pnrr per portarle al nord'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ago. (Adnkronos) – “Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Le affermazioni di Matteo Salvini, fatte in un comizio in Puglia sono inquietanti. Salvini criminalizza il Sud e, di fatto, cerca di precostituire l'alibi per dirottare le risorse che il Pnrr ha destinato allo sviluppo del Mezzogiorno nelle aree del Nord”. Ad affermarlo è la parlamentare del Pd, Enza Bruno Bossio.

“È questo il vero intento delle destre al governo del Paese. Matteo Salvini – aggiunge – punta sulla retorica di un Sud privo di competenze e capacità, in grado solo di disperdere i finanziamenti pubblici. Una retorica carica di offese, pregiudizi, odiosi stereotipi che francamente ha stancato e dovrebbe essere punita severamente dagli elettori. Oggi Salvini sarà in Calabria e, invece di stimolare la giunta regionale di centrodestra con presenza leghista a fare bene e fare meglio, ci regala le sue perle di qualunquismo e antimeridionalismo spinto”.

“Ci aspettiamo – prosegue la deputata dem – una reazione della stessa Giunta regionale che governa la Calabria. L'accusa di Salvini alle regioni del Sud, infatti, non assolve il governo regionale calabrese. La sfida alle classi dirigenti del Sud va posta sulla capacità di misurarsi sul terreno della attitudine di progettare e di rendicontare la spesa e non di minacciare di sottrarre i finanziamenti. Il ricordo dei calabresi e dei meridionali è ancora vivo di quando la Lega e il centrodestra hanno pagato le quote latte al Nord con i fondi europei destinati al sud. Oggi vogliono riprovarci, cercando di mettere in pratica quello che, come PD, abbiamo impedito finora in Parlamento, bloccando l'autonomia differenziata che la destra voleva a favore delle regioni Nord. E Salvini ora ci riprova: punta a farlo stravolgendo addirittura l'impostazione che ha dato l'Europa per la spesa dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza”, conclude Enza Bruno Bossio.