Elezioni: Conte, 'votare ora o a marzo non cambia molto, non prendiamo in giro italiani'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 lug. (Adnkronos) – "Se la fiducia nel Governo Draghi fosse venuta meno prima? Avremmo anticipato la crisi e forse questo sì che sarebbe stato un male, soprattutto se fosse intervenuta nella fase iniziale del conflitto ucraino. La crisi di oggi invece avviene solo pochi mesi prima della fine naturale della legislatura. Il quadro è grave ma non dobbiamo prendere in giro gli italiani: votare ora o a febbraio-marzo non cambia molto, avremmo comunque avuto a che fare con l’emergenza energetica, una guerra ancora in corso, la pandemia e un Pnrr incompleto". Così il leader del M5S Giuseppe Conte in una intervista al giornale online Tpi.it.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli