**Elezioni: Cottarelli, 'dispiaciuto del mancato accordo con Calenda'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Cernobbio (Como), 3 set. (Adnkronos) – "Credo sia legittimo cambiare idea, sono scelte importanti e non entro nel merito. Detto questo, mi è spiaciuto che non si sia raggiunto un accordo, quello si". Così, all'Adnkronos, Carlo Cottarelli commenta la decisione di Carlo Calenda di sfilarsi dalla coalizione di centrosinistra.

Tuttavia, a margine del Forum Ambrosetti di Cernobbio, l'ex commissario alla spending review avverte: "Dopo le elezioni, se vincerà il centrodestra, bisognerà cercare di contrastare le politiche, sbagliate, di sovranismo e nazionalismo che ci staccherebbero dall'Europa. E non è una questione di fascismo, perché questa destra non è fascista, ma conservatrice". Qui, aggiunge, "bisognerà giocare insieme. In fondo, guardiamo, ad esempio, all'interno dell'area di centrodestra quante anime ci sono, tra quelli che andavano in giro con la maglietta 'no euro' e quelli che invece, come Tajani, hanno fatto il presidente del Parlamento europeo. Anche lì ci sono delle differenze, solo che loro sono stati capaci di dare la giusta importanza allo stare insieme; dall'altra parte, invece, non so perché, non ne siamo stati capaci".