Elezioni Emilia Romagna: a Bibbiano il Pd è il primo partito con oltre 60% dei voti

elezioni bibbiano lega

La Lega ha perso le elezioni in Emilia Romagna e Matteo Salvini ha accolto la sconfitta cercando di minimizzare i risultati. Il leader leghista, infatti, si aspettava di conquistare non solo la presidenza della regione, ma anche di cogliere un’opportunità per recarsi alle urne e mandare a casa la coalizione giallo-rossa. I risultati, però, parlano chiaro: Stefano Bonaccini si è confermato Presidente della regione dopo un testa a testa durato fino al termine dello spoglio. In particolare a Bibbiano, Comune al centro di un durissimo scontro tra centrodestra e centrosinistra, terminato con la vittoria schiacciante del partito di Nicola Zingaretti.

Elezioni Bibbiano: Pd sconfigge Lega

Risultato amaro per la Lega di Matteo Salvini: nelle elezioni regionali del 26 gennaio, infatti, a Bibbiano è il Pd il primo partito. Nonostante la campagna elettorale del Carroccio, che ha puntato sull’inchiesta “Angeli e Demoni” e sugli affidi illeciti, pare che la popolazione abbia fatto la sua scelta. Lo slogan leghista era: “Non votate per il partito di Bibbiano”, che alla luce dei dati ha incassato il 60% dei voti nel paese. Bonaccini ha raccolto il 58% dei consensi a Bibbiano, contro il 35% di Borgonzoni.

Non si è rivelato utile nemmeno il teatrino al citofono nel quartiere Pilastro di Bologna, dove di nuovo si è affermato il Pd come primo partito. Bonaccini ha raggiunto il 41% al Pilastro: Borgonzoni soltanto il 18%.

La Lega, invece, ha incassato il sostegno di un unico luogo della propaganda elettorale svolta negli ultimi mesi: il Papeete Beach dove il leader ha trascorso l’estate. Bonaccini, infatti, si è fermato al 40% sul litorale romagnolo; mentre Borgonzoni si è attestata al 55%.