Elezioni, Guzzetta: "Su presidenzialismo Letta potrebbe cambiare opinione come Mitterrand"

(Adnkronos) - "Le dichiarazioni di Letta contro il presidenzialismo mi ricordano quelle di Mitterrand che nel 1964 scrisse un volume intitolato 'Il colpo di stato permanente' in cui si scagliava non contro il Presidenzialismo in sé, ma anche in quel caso contro i rischi dell'uso che se ne sarebbe fatto. Meno di vent'anni dopo Mitterrand sarebbe stato il primo presidente della Repubblica di sinistra e per giunta il primo, dopo De Gaulle, ad essere eletto per due mandati consecutivi, ritagliandosi un posto centrale nella storia politico-costituzionale della V Repubblica". Così Giovanni Guzzetta, costituzionalista e ordinario di Diritto pubblico all'Università di Roma Tor Vergata, che intervenendo con l'Adnkronos commenta: "Chissà, magari anche Letta potrebbe cambiare opinione su questa o su altre possibili riforme profonde dell'architettura istituzionale. E magari diventare presidente della repubblica eletto dai cittadini".

"I temi delle riforme costituzionali, compreso il presidenzialismo, sono troppo importanti per essere liquidati con qualche battuta. Le riforme istituzionali - prosegue - sono il primo problema dell'Italia. Perché condizionano tutti gli altri enormi problemi che abbiamo. Con le riforme non si mangia ha detto qualcuno, ma se io continuo a lavorare il campo che mi dovrebbe dare da mangiare con un aratro a mano e non mi compro un trattore che lo faccia fruttare, continueremo sempre ad avere fame", conclude.

(di Roberta Lanzara)