Elezioni in Israele, Netanyahu rivendica “una grande vittoria”

Elezioni in Israele, Netanyahu rivendica “una grande vittoria”

Tel Aviv, 3 mar. (askanews) – “La più grande vittoria della mia vita”. Così il premier Benyamin Netanyahu ha definito nel discorso al partito l’esito del voto in Israele, ma la realtà è più complessa. Il primo ministro uscente ha rivendicato la vittoria alle elezioni legislative che si sono tenute per la terza volta in un anno, nonostante il suo blocco di destra sembra destinato a rimanere al di sotto dell’obiettivo dei 61 seggi necessari per avere una maggioranza capace di formare un governo.

“E’ una vittoria oltre le aspettative. Ha detto ai suoi sostenitori di Tel Aviv. Gli israeliani ci hanno dato fiducia perché sanno che gli abbiamo portato la migliore decade nella storia di Israele”.

Secondo gli ultimi risultati comunicati, il blocco di destra che fa capo a Netanyahu si fermerebbe infatti a 59 seggi, 37 dei quali andrebbero al Likud, il partito del premier uscente.

La formazione centrista Blu e Bianco (Kahol Lavan) del rivale di Netanyahu, Benny Gantz, si fermerebbe invece a 32-33 seggi, mentre la Lista unita dei partiti arabo-israeliani avrebbe tra 14 e 15 seggi. A fare la differenza potrebbe essere dunque la destra nazionalista laica di Avigdor Lieberman, che potrebbe avere tra sei e otto seggi.

Deluso dai risultati delle urne Benny Gantz. “Condivido con voi il senso di dolore e delusione perché questo non è il risultato che rimetterà Israele sulla strada giusta”, ha detto ai suoi sostenitori.

Molto alta l’affluenza alle urne, pari al 71% degli aventi diritto.