Elezioni: lista Cappato deposita ricorso dopo esclusione per firme digitali

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 2 set. (Adnkronos) – E' stato presentato oggi, durante una conferenza stampa online, il ricorso d'urgenza (ex articolo 700 del codice di procedura civile) depositato da parte della lista 'Referendum e Democrazia con Cappato', dopo l'esclusione alle elezioni 2022, finalizzato a ottenere l'ammissione della lista nella circoscrizione della Lombardia.

"Se il giudice non dovesse accogliere il ricorso, chiederemo di sollevare una questione di legittimità costituzionale, per la palese irragionevolezza del presunto divieto di presentazione in forma elettronica di liste in occasione delle elezioni, laddove, come sappiamo, da più di un anno la stessa identica procedura è ammessa invece per iniziative di un valore costituzionale altrettanto rilevante e cioè per le iniziative referendarie e le iniziative di legge popolare. Si tratterebbe di una violazione, flagrante e paradossale, dell’articolo 3 della Costituzione" ha spiegato l'avvocato Giovanni Guzzetta, ordinario di diritto pubblico. I tempi della decisione da parte del Tribunale di Milano dovrebbero essere rapidi: "In base alla logica del codice di procedura civile, dovrebbe esprimersi immediatamente. E' importante da questo punto di vista segnalare l'urgenza di questa decisione: noi lo faremo in sede processuale, ma anche dal punto di vista pubblico", aggiunge l'esperto.

Il ricorso chiede di ordinare l’annullamento del provvedimento che ha ricusato la lista e quindi di ammetterla alla competizione elettorale nella circoscrizione elettorale Lombardia, per le elezioni del Senato del prossimo 25 settembre. Si chiede, inoltre, di accertare e dichiarare il diritto a presentare le liste e l'accettazione delle candidature anche tramite firma digitale e, come conseguenza, "di condannare le amministrazioni resistenti al risarcimento dei danni subiti a seguito della lesione del proprio diritto".

Il ricorso evidenzia come la decisione di inammissibilità della lista presa dalla Corte di Cassazione, che prevede solo la presentazione di firme in modalità 'analogica', "si scontra fortemente con principi costituzionali e di diritto europeo e internazionale. Tra gli altri, il Regolamento europeo prevede che ogni Stato membro sia privato di qualsiasi discrezionalità in merito alla firma elettronica qualificata imponendo una equiparazione alla firma autografa".

Per questo, dato che la lista 'Referendum e democrazia con Cappato' "ha presentato dichiarazioni sottoscritte mediante firma digitale, cioè qualificata (in termini normativi europei) è precluso al legislatore statale disconoscere la perfetta equiparazione rispetto alle firme autografe" secondo chi ha presentato il ricorso. "Pur nel totale silenzio del governo e dei leader partitici, non è questione di sapere se vinceremo questa battaglia, ma solo quando" spiega il promotore della lista, Marco Cappato.

"Prima sarà riconosciuta la validità della firma digitale, prima l'Italia avrà interrotto la violazione discriminatoria di obblighi internazionali e la negazione di diritti civili e politici ai propri cittadini. La campagna della Lista 'Referendum e Democrazia con Cappato' non è terminata, ma è appena iniziata, e riguarderà anche la presentazione di liste alle elezioni regionali e di attivazione di ogni altro strumento di partecipazione democratica anche a livello regionale e locale. Il governo può ancora intervenire con l’urgenza che merita la questione, anche per evitare una brutta figura internazionale al nostro Paese" conclude Cappato.