Elezioni, Lombardo: "Orientamento elettorato verso figura Meloni più che FdI"

(Adnkronos) - "Il 26 settembre mattina l’Italia, credo, si sveglierà con una maggioranza definita, è prevedibile, di centrodestra e con un partito più forte degli altri che non e’ difficile prevedere possa essere il partito di Giorgia Meloni". Lo afferma, parlando all’AdnKronos, il leader dei Popolari e Autonomisti, Raffaele Lombardo. "Potrei dire Fratelli d’Italia - aggiunge- ma essendo mio malgrado un sondaggista, poiché vedo decine di persone al giorno e nell’arco di un mese ne ho viste circa millecinquecento a gruppi di due,uno,tre, noto un orientamento in favore della Meloni. Non di Fratelli d’Italia, della fiamma o di quant’altro".

"La Meloni - osserva Lombardo - viene considerata una persona determinata, una persona con le idee chiare e gli italiani si aspettano decisioni forti, ed in particolare io parlo dei siciliani". "Dopodiché - evidenzia l’ex Governatore della Sicilia - come risaputo io ho espresso il mio non voto per la Lega, ma che governo si farà io non ne ho idea".

"Non c’è dubbio che la Meloni - dice ancora Lombardo - dovrà dare a mio avviso segnali visibili di attenzione ed adesione verso la logica europea maggioritaria e non certamente a quella di Orban che viene contestato per violazione dei diritti civili". "Altra attenzione della Meloni - conclude - sarà quella verso la tradizionale alleanza atlantica del Paese". (di Francesco Bianco)