**Elezioni: Majolo, 'esclusa da liste M5S per passato berlusconiano, basta fango e attacchi sessisti'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ago. (Adnkronos) – “In questi giorni ho scelto di rimanere in silenzio, nonostante sia di pubblico dominio la notizia della mia esclusione dalla Lista Campania 1 del Movimento 5 Stelle, nella quale ero candidata. Le ragioni si trovano in mie affermazioni e prese di posizione, esposte sul mio profilo privato di un social network. Orbene, quelle affermazioni sono state fatte da una giovane ragazza. Oggi sono una donna, un avvocato, con una carriera avviata, un percorso culturale e professionale che mi hanno portata lontana da ciò che ero prima". Lo scrive in una nota Claudia Majolo, esclusa dalle liste M5S per vecchi post in cui dichiarava il suo "amore" per Silvio Berlusconi.

"In questi ultimi anni il Movimento è cambiato completamente, in particolare con l’arrivo del Presidente Conte. Ad oggi, dopo anni di studio e di passione e avvicinamento alla politica, posso dire di essere lontanissima da quelle affermazioni. Voglio infatti precisare che non ho mai militato in Forza Italia, non ho mai avuto tessera di partito alcuna, perché non ho mai condiviso con questa forza politica nessun valore. Proprio per questo, ritengo si debba fare censura con il proprio passato per evitare ambiguità e situazioni poco chiare. Prendo fermamente le distanze dalle mie precedenti affermazioni su Berlusconi, per ribadire con forza il mio appoggio incondizionato al Presidente Giuseppe Conte – la mia prima scelta perché è l’avvocato del popolo. Tengo però ad evidenziare che l’accaduto non autorizza nessuno ad attaccare la mia persona, le persone che mi sono vicine e la mia famiglia. Ho ricevuto commenti sessisti e misogini di ogni tipo – spiega infatti Majolo – offese pesanti che si stanno ripercuotendo non solo su di me, ma su chi mi sta intorno, che nulla c’entra con tutto questo. La dialettica politica è una cosa, la sfera personale e le offese pesanti ad una donna non c’entrano niente con la politica. Chiedo, pertanto, che si ponga fine a questa campagna di fango e di odio nei miei confronti”.