Elezioni, Messina (Lega): noi unici con programma concreto per Terza età

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 set. (askanews) - "Per troppo tempo la politica ha commesso l'errore di trascurare gli anziani, che sono 14 milioni e che rappresentano non soltanto la memoria storica, ma anche una colonna portante per l'economia e la vita sociale del Paese. Per questo, dopo tanti anni di impegno per la tutela sociale, sanitaria, economica delle persone senior, nonché dello sviluppo di progetti e proposte in grado di sostenere concretamente le persone Over 65 nei vari ambiti della loro vita, ho scelto di accettare la proposta di Matteo Salvini e della Lega, candidandomi alla Camera dei Deputati nel collegio plurinominale Puglia - P02". Così in una nota Roberto Messina, presidente di Senior Italia Federanziani e candidato della Lega in Puglia.

"L'ho fatto con grande spirito di servizio soprattutto perché la Lega ha dimostrato grande serietà e capacità di ascolto rispetto ai nostri temi e questo non da oggi in campagna elettorale ma da sempre, come testimoniato dall'attenzione mostrata negli anni da Matteo Salvini verso gli anziani - aggiunge -. Non è un caso, quindi, e lo dico con grande orgoglio, che la Lega è l'unico partito ad aver previsto all'interno del proprio programma specifiche misure dedicate alle persone anziane".

"Penso all'idea di istituire il Ministero per la Terza Età, a quella del Fisco pro Family, che prevede la ripartizione dei tributi non solo in senso verticale, ma anche in senso orizzontale tra nuclei familiari con più figli o con soggetti, anche anziani, in condizioni di disabilità", continua Messina.

"Vogliamo realizzare politiche a sostegno delle persone vedove e una Family Card con agevolazione per le aziende italiane che aderiscono. Una delle battaglie su cui punteremo in questa campagna elettorale e dopo, finché non riusciremo ad ottenere quanto richiesto, è quella relativa a Quota 41. Manderemo in pensione prima la legge Fornero, poi centinaia di migliaia di lavoratori che hanno il sacrosanto diritto di godere un riposo meritato in decenni di lavoro. Le idee sono tante, la voglia di metterle in pratica con dedizione e impegno è totale", conclude.