Elezioni: Rampelli, 'von der Leyen non può mettere in discussione esito voto'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 set. (Adnkronos) – "Consiglio alla presidente Von der Leyen di misurare i toni. È Commissario europeo e rappresenta tutti i cittadini del Continente, non solo quelli del partito e di Enrico Letta. L'Italia è Stato fondatore dell'Ue e nessuno, ripeto, nessuno può mettere in discussione il risultato di libere elezioni. Toni minatori e ricattatori li usasse verso i nazistelli e i filocinesi di casa sua fermo restando che non ci spaventano, mentre è sicuro che mettono in pessima luce chi li pronuncia". Lo afferma il deputato di Fratelli d'Italia e vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli.

"Già -ricorda- prese un granchio quando accusò l’Italia di essere lo Stato untore che diffondeva la pandemia. Poi si è oltretutto scoperto che il paziente era in Baviera… chieda scusa, lo faccia anche ora. Se poi il suggeritore di certe improvvide affermazione è il Pd, allora abbiamo validi motivi di considerarlo un traditore della Patria".