Elezioni: Richetti, 'contro di me operazione politica per danneggiare me ed Azione' (3)

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Le perquisizioni seguite alla mia denuncia sono state anzi bollate da Fanpage -lamenta ancora Richetti- come 'intimidazione' nei confronti della denunciante; un’accusa gravissima a Procura e Forze dell’Ordine fatta senza alcun elemento di prova; così come nessuna prova è stata fornita delle presunte molestie di un poliziotto alla denunciante".

"Nell’articolo si danno per autentici dei messaggi falsamente attribuiti a me, senza che Fanpage abbia indicato alcuna prova al riguardo. Non solo, la testata ha rifiutato di esaminare il mio telefono per verificarne l’assenza, nonostante la mia offerta in tal senso. L’assenza di qualsiasi verifica è stata confermata dal direttore di Fanpage che in una trasmissione televisiva ha definito i messaggi coerenti con gli 'interrogatori svolti', il che è evidentemente assurdo, visto che si riferiva ai colloqui con la denunciante. La verità è che Fanpage ha intenzionalmente omesso qualsiasi verifica dell’autenticità dei messaggi".

"Nell’articolo si fa riferimento ad altri fatti che coinvolgerebbero mie collaboratrici, salvo poi non fornire nessun elemento al riguardo. Nelle ultime ore, sono stato contattato da altre persone che hanno denunciato comportamenti analoghi da parte della mia accusatrice. Alla luce di quanto sopra, ho dato mandato ai miei legali -ribadisce Richetti- di agire in sede civile, penale e disciplinare nei confronti di Fanpage e di tutti i soggetti coinvolti in questa vicenda sia per i danni recati a me e alla mia famiglia, che per la gravissima distorsione del processo democratico che costituisce l’evidente obiettivo del killeraggio avviato nei miei confronti pochi giorni prima del voto. Stiamo anche valutando le iniziative da intraprendere contro tutti coloro che hanno fatto dello sciacallaggio in questi giorni, rilanciando –spesso con toni diffamatori– le assurde accuse avanzate nei miei confronti".