Elezioni: Salvini a Israel Hayom, 'preoccupato da posizioni anti-Israele della sinistra'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 ago. (Adnkronos) – Con il voto del 25 settembre, l’Italia non avrà un governo di destra, piuttosto “direi un governo di buon senso, coerente e concreto, che mette al centro il lavoro, la sicurezza, lo sviluppo, il merito, le tradizioni”. Così Matteo Salvini a Israel Hayom. “Sono poi orgoglioso di ricordare che, da leader della Lega, ho promosso in Senato un incontro sull’antisemitismo per denunciare quello che è un vero e proprio scandalo del nostro tempo: su questo tema siamo attenti, non abbassiamo la guardia e nessuno ne parla più di noi”, sottolinea Salvini.

“Credo che nel 2022 non abbia senso parlare di 'allarme fascismo', è il tema che la sinistra italiana tira fuori a ogni elezione contro tutti gli avversari che rischiano di sbarrarle la strada. Siamo e rimarremo un Paese democratico, nessuna nostalgia di un passato di violenza che, per fortuna, non ritornerà”. Aggiunge Salvini: “Premetto che io non mi sento 'di destra' e la Lega non è 'di destra', abbiamo a cuore il bene dell’Italia ma parliamo a tutti, tanto che siamo il partito più votato dalle operaie e dagli operai".

"Piuttosto, credo che all’estero debbano guardare con preoccupazione al fatto che il Pd aveva candidato, addirittura come capilista, personaggi che hanno scritto insulti vergognosi contro Israele e il suo diritto a esistere e a difendersi. Come ha dichiarato un intellettuale come Paolo Mieli, in una recente intervista al quotidiano italiano 'Libero'” non si tratta di casi isolati, ma di una atteggiamento molto diffuso all'interno del Pd in cui, cito Mieli, 'comanda ancora un nucleo che ha le proprie radici culturali nella storia e negli ideali della rivoluzione d'ottobre'. E sempre Mieli: il partito di fatto non ha seguito Letta, "perché permane l'antica diffidenza verso gli Stati Uniti. Come quella verso Israele".

"Un’altra intellettuale e giornalista, Fiamma Nirenstein, su il Giornale ha denunciato 'l’uso dell'antisemitismo antisraeliano come arma di consenso' della sinistra e ha ricordato che l’esponente del Pd Boldrini, ex presidente della Camera dei Deputati, 'ha invitato alla Camera Mohamed Ahmed al Tayyeb, l'Imam che invoca la distruzione di Israele'. Sono indignato e preoccupato”, sottolinea Salvini.

“La vittoria della Lega e del centrodestra sarà la migliore garanzia affinché gli odiatori di Israele, come quelli che il Pd aveva candidato, siano messi in condizione di non influenzare il governo italiano. Voglio piuttosto rilanciare: contro chi coltiva ancora un antisemitismo strisciante dobbiamo piuttosto riscoprire il contributo importante che ha dato l'ebraismo alla storia italiana e più in generale alla cultura europea. Chi è nemico di Israele, in Italia, in Europa e nel Mondo, è nemico della libertà, della democrazia e del sottoscritto”.

Tra le altre cose, Salvini aggiunge: “L’Europa sta vivendo una drammatica crisi legata ai costi dell’energia, è quindi necessario – anche per avere valide alternative a Mosca – riprendere in mano il progetto EastMed-Poseidon, un gasdotto di circa 2mila km per collegare Italia e Israele”.