Elezioni: sindaco M5S Cattolica, 'appello a elettori centrodestra, non saremo costola Pd'

·3 minuto per la lettura

"Ho dedicato cinque anni alla mia città, credo di aver fatto le cose per bene. A questo punto mi arrogo il diritto di provarle tutte in questo ballottaggio, dove la mia avversaria ha preso il 48,8%. Io con la mia coalizione e il centrodestra con la sua, abbiamo più voti della candidata del centrosinistra...". Il sindaco 5 Stelle di Cattolica Mariano Gennari, parlando con l'Adnkronos, motiva così l'appello che tramite i social ha rivolto agli elettori del centrodestra in vista del ballottaggio che lo vede sfidare la candidata del centrosinistra Franca Foronchi.

"Credo di avere il diritto di provarci fino in fondo. Non c'è un apparentamento, l'appello è stato fatto agli elettori: io sono stato il sindaco di tutti, di quelli che hanno votato il centrosinistra e di quelli che hanno votato il centrodestra", prosegue Gennari, mentre il link con il suo appello rimbalza in queste ore febbrili nelle chat pentastellate romane. Proprio mentre il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte finisce sotto accusa a causa dell'asse con i dem: un abbraccio 'soffocante', stando al giudizio di quei grillini che considerano l'alleanza con il Pd troppo sbilanciata a favore del partito di Enrico Letta.

A chi gli chiede se esista il rischio che il M5S diventi una sorta di 'appendice' del Pd, il sindaco uscente di Cattolica risponde senza esitazione: "Secondo me sì, mi sembra sotto gli occhi di tutti. Io ho corso con la lista del M5S e due civiche, abbiamo preso quasi il 10%, rappresento la lista del Movimento che di gran lunga ha raggiunto il risultato più alto in Emilia Romagna: ricordo le percentuali di Bologna e Rimini... Io il mio l'ho fatto, direi anche egregiamente. Per essere sostenuto dai simboli ci vuole un tiro nazionale che in questo momento mi sembra sia mancato completamente".

Effetto Conte non pervenuto, dunque? "Conte secondo me è un'ottima persona e un ottimo leader - dice Gennari all'Adnkronos - ma non è arrivato nel momento giusto. Abbiamo avuto troppe lungaggini e anche la querelle con Beppe Grillo è stata deleteria".

A livello nazionale il M5S si sposta a sinistra, lei a Cattolica flirta con il centrodestra... "La mia appartenenza al M5S parte soprattutto da un fatto, ovvero che non sono ideologico. Uno dei principi del Movimento è che non esistono le ideologie ma le buone idee. Cattolica usciva nel 2016 da settant'anni di Pci-Ds-Pd, che ha fatto il bello e il cattivo tempo. Questo doveva essere un comune ricco e invece è stato commissariato nel 2010, perché non approvò il bilancio. Qui il Partito democratico ha portato solo debiti, ha gravissime colpe".

Nel chiedere il voto agli elettori del centrodestra ha promesso l'eliminazione delle pista ciclabili: cosa fa, abiura a uno dei capisaldi ambientalisti del Movimento? "Nessuna abiura, assolutamente. Io ho parlato di una determinata pista ciclabile da spostare in un altro luogo. Siamo stati il primo comune a partire con la micro-mobilità elettrica. Ci mancherebbe altro". (di Antonio Atte)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli