Elezioni: Soumahoro candidato a Milano con Verdi-Sinistra, 'porto il grido del Paese reale'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 2 set. (Adnkronos) – "Mi candido perché voglio che il grido di dolore del Paese reale, persone che, come me, portano sul proprio corpo e nella propria anima i segni della sofferenza, povertà, disuguaglianza e discriminazione, risuoni nei palazzi della politica". Lo scrive in una nota Aboubakar Soumahoro, sindacalista e attivista italo-ivoriano che, durante la giornata di oggi, presenterà a Milano la sua candidatura nelle liste dell’alleanza Europa verde-Sinistra italiana per la Camera. Durante l’evento, che si svolgerà alle 20.00 presso il Tempio del Futuro Perduto, in Via Luigi Nono, interverranno anche Eleonora Evi e Francesca Cucchiara, candidate di Europa verde, e i candidati di Sinistra italiana Giovanni Paglia e Elena Comelli.

Durante l’incontro verranno presentate le principali proposte programmatiche alla base della candidatura di Soumahoro. Tra queste, l'introduzione della 'Patente del Cibo' affinché il "Made in Italy possa avere un 'sapore di diritti e di dignità in Italia, in Europa e nel mondo". Questa misura ha come obiettivo quello di garantire alle consumatrici e ai consumatori un cibo eticamente sano, prodotto nel rispetto dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori, delle lavoratrici della terra e dell'intera filiera del cibo. "Oggi – continua Soumahoro – siamo chiamati ad un’ulteriore responsabilità: garantire progresso e benessere anche a chi è rimasto indietro, in un’ottica di giustizia sociale e ambientale".

Si parlerà anche di 'Salario Minimo Legale' e 'Reddito di Esistenza', due misure necessarie "in un mondo del lavoro in costante mutamento che porta con sé vecchie e nuove sfide, prime tra tutte la precarietà e le basse retribuzioni, che necessitano risposte concrete, soprattutto per garantire che le future generazioni non paghino il prezzo della transizione ecologica e possano vivere in un'Italia più giusta e più solidale". Il candidato di Europa verde-Sinistra italiana ribadisce che "il 'Reddito di Esistenza' è una misura non condizionata, non selettiva e né circoscritta ad alcune categorie. La pandemia ha mostrato quanto è ingiusto un sistema per cui alcuni lavoratori hanno diritto al supporto economico e all’assistenza sociale, mentre altri ne sono esclusi. Questa distinzione deve essere superata e a tutti e tutte deve essere garantito un minimo di supporto che non costringa nessuno in una perpetua condizione di stress, paura, precarietà e ritmi di lavoro estenuanti”

La candidatura di Aboubakar Soumahoro è una candidatura all’insegna del 'Noi', affinché le persone invisibilizzate e dimenticate "che come me conoscono l’usura del duro lavoro, il logoramento della povertà assoluta e l’umiliazione delle leggi discriminanti", possano ambire ad arrivare al timone del nostro Paese. "Solo se sapremo sognare individualmente – conclude Soumahoro – e muoverci collettivamente riusciremo a segnare la nostra epoca. So che siamo in tante e in tanti a esser convinti che un'Italia più giusta e più solidale sia possibile".