Elezioni suppletive Senato 2020 Umbria, risultati: vittoria di Alessandrini

elezioni suppletive senato 2020 umbria terni

I primi risultati delle elezioni suppletive del Senato tenutesi in Umbria l’8 marzo 2020 denotano il vantaggio della candidata di centrodestra Valeria Alessandrini che si attesta intorno al 55% contro il 36% della sfidante di centrosinistra Maria Elisabetta Mascio. L’affluenza della tornata elettorale è stata pari al 14,55%. Complessivamente sono andati a votare 44.580 aventi diritto su un totale di 306.382.

Elezioni suppletive Senato 2020 Umbria: i risultati

Con 243 sezioni scrutinate su 509, dunque circa la metà, ad avere la meglio sembrerebbe essere la Alessandrini che staccherebbe la Mascio di 20 punti percentuali. Il suo vantaggio è tale in entrambi i collegi: in quello di Perugia otterrebbe infatti il 56,34% mentre in quello di Terni il 52,05%. L’avversaria è ferma nel primo collegio a 34,07% e nel secondo al 41,50%.

Quanto agli altri candidati, l’esponente grillino Alcidi si attesterebbe complessivamente intorno al 7,88%, con un 8,88% in provincia di Perugia e un 5,70% in quella di Terni. La quarta arrivata, Gargani, otterrebbe uno 0,73% suddiviso tra lo 0,72% di Perugia e lo 0,75% di Terni.

Elezioni suppletive Senato 2020 Umbria: l’affluenza

Stando ai dati diffusi dal portale Eligendo, alle ore 12:00 si era recato a votare soltanto il 4,36% del corpo elettorale mentre alle 19:00 il dato era salito a 12,17%. L’affluenza totale registrata alla chiusura delle urne, avvenuta come di consueto alle 23:00, è stata pari al 14,55%.

Tenendo in considerazione l’affluenza dei singoli collegi in cui si è svolta la tornata, quello di Perugia ha avuto un’affluenza del 13,13% mentre quello di Terni del 15,71%, leggermente più alta.

I candidati

I collegi in cui si è votato comprendevano tutti i 33 comuni della provincia di Terni e 27 comuni della provincia i Perugia. Prima delle regione del Centro Italia è toccato a Napoli, domenica 23 febbraio e a Roma domenica 1 marzo. Le elezioni suppletive sono state rese necessarie dalla rinuncia al seggio di Palazzo Madama della leghista Donatella Tesei, eletta Presidente della Regione.

A sfidarsi sono stati quattro candidati. La Lega si è presentata con Valeria Alessandrini, candidata che può contare anche sull’appoggio di Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Era un’altra donna, Maria Elisabetta Mascio, dirigente scolastica, la candidata sostenuta dal Partito democratico e Sinistra civica. Il Movimento 5 stelle ha puntato invece su Roberto Alcidi, il cui nome era stato il primo a essere ufficializzato. Vi era poi la candidatura dell’avvocato Armida Gargani per la lista Riconquistare l’Italia, partito di stampo sovranista.