Elezioni Toscana, centrosinistra candida Eugenio Giani

webinfo@adnkronos.com

Via libera alla candidatura di Eugenio Giani alla presidenza della Regione Toscana da parte della coalizione di centrosinistra, ad eccezione di Sinistra 2020, Sinistra italiana e Articolo 1. Al termine di un lungo vertice del centrosinistra finito in nottata, la maggioranza dei partiti e dei movimenti civici, riformisti, ecologisti, liberaldemocratici e progressisti del centrosinistra toscano ha firmato un documento che esprime condivisione della "cornice valoriale e programmatica definita insieme in questi mesi" e "un giudizio positivo sulla candidatura di Eugenio Giani alla presidenza della Regione Toscana per attuare le idee già condivise".  

Il documento è sottoscritto da 15 forze tra cui Pd, Italia Viva, +Europa, Psi, Comunica Civica Toscana, Italia dei Valori e Europa Verde Toscana in vista delle elezioni regionali della primavera 2020. I sottoscrittori del documento invitano Eugenio Giani, attuale presidente del Consiglio regionale, "ad incontrare subito la coalizione per iniziare insieme un lavoro sul territorio a stretto contatto con la società toscana nelle sue molteplici articolazioni" e al tempo stesso "impegnano il candidato ad aprire un confronto con la coalizione per sviluppare i temi politici emersi nella discussione".  

"La volontà condivisa di tutte le forze che aderiscono a questo documento - conclude il documento comune sottoscritto dalle 15 forze politiche - è quella di continuare, insieme al candidato, il confronto anche con gli altri partiti e movimenti che hanno lavorato proficuamente con noi in questi mesi". 

Dopo la pausa natalizia, Giani (il cui nome è stato indicato a novembre all'unanimità dal Pd) avvierà il confronto come candidato incaricato con tutte le forze politiche dello schieramento, anche con quelle di sinistra che ieri sera si sono tirate fuori dall'accordo sul nome dopo aver condiviso l'intesa programmatica nelle scorse settimane.  

Il documento a sostegno della candidatura di Eugenio Giani è firmato da Partito Democratico, +Europa, Europa Verde Toscana, Italia viva, Psi, Comunità civica Toscana, Demos, Futura, Italia dei valori, Italia in comune, Movimento azione laburista, Movimento laici e liberali, Pri Toscana al centro e Toscana in azione.