Elezioni Turingia, vince sinistra radicale ma vola estrema destra

Elezioni Turingia, vince sinistra radicale ma vola estrema destra

Erfurt, 28 ott. (askanews) – Domenica (27 settembre) alle elezioni regionali in Turingia, Land orientale tedesco con capitale Erfurt, la sinistra radicale tedesca, la Linke, arriva prima, con il 31% dei consensi, seguita, a sorpresa, dall’estrema destra Afd (Alternativa per la Germania), che ha ottenuto il 23,4%, segnando un più 12,8% rispetto alle elezioni precedenti (del 2014).

Il partito di Angela Merkel, la Cdu, retrocede al 21,8% (meno 11,7% rispetto al 2014), seguono quindi i socialdemocratici (Spd) con l’8,2% (-4,2%), i Verdi con il 5,2% e i Liberal Democratici (Fdp) con il 5%.

Il candidato della Linke e attuale governatore del Land, Bodo Ramelow, ha esultato, anche se i giochi per formare una coalizione restano aperti:

“Cinque anni fa, non pensavano che ce l’avremmo fatta, poi hanno scommesso che avremmo fallito dopo 100 giorni, e cinque anni dopo, siamo qui a dire ‘Continuiamo a spaccare'”.

“Abbiamo dimostrato, che una coalizione tripartita è possibile e si può guidare con successo, non è ancora del tutto chiaro a chi andrà l’incarico di formare il governo, ma che sia mio, questo è indiscutibile”.

L’affluenza alle urne è stata del 65%, in crescita rispetto a 5 anni fa (53%). Come sottolinea la Deutsche Welle, il risultato dell’AfD in Turingia conferma il forte sostegno di cui l’estrema destra gode anche in altri Laender dell’Est della Germania, come emerso a settembre quando ha conquistato il 27,5% in Sassonia e il 23,5% nel Brandeburgo. Ora, scrive lo Spiegel online, “Cdu e liberali dovranno fare i conti con la responsabilità politica e non escludere un’alleanza con il presidente della Linke”. Dovranno riconoscere che “il nemico si trova a destra”.